Dare energia alle imprese

50 milioni di euro per favorire un uso più efficiente delle risorse energetiche e interventi per la produzione di energia rinnovabile delle piccole e medie imprese. Si può accedere ai fondi fino a esaurimento delle risorse e comunque non oltre il 30 giugno 2014

foto dettaglio

Obiettivo generale: promuovere tra le imprese del Lazio la progettazione e la realizzazione di misure e interventi per un uso efficiente e razionale delle risorse energetiche, per la produzione di energia rinnovabile ed per la produzione simultanea - nell’ambito di un unico processo - di energia termica e di energia elettrica o meccanica.

Stanziamento complessivo: 50 milioni di euro.

Obiettivo degli interventi:

  • risparmio energetico. Per limitare il consumo di energia usata nel ciclo produttivo.
  • Impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili. Per costruire impianti che producono energia usando fonti rinnovabili.
  • Impianti di cogenerazione ad alto rendimento. Per costruire impianti che producono  energia termica e energia elettrica o meccanica in un unico processo

Possono partecipare: piccole e medie imprese in forma singola o aggregata.

Spese ammissibili: rispetto ai tre tipi di intervento sono ammissibili al netto dell’IVA:

  • spese per investire in materiali. Per acquistare e installare macchinari, impianti, attrezzature, sistemi, componenti e strumenti necessari a realizzare il programma, compresi sistemi di telecontrollo, misura e monitoraggio energetico;
  • spese per realizzare infrastrutture di rete, lavori a corpo, a misura e in economia legate al programma di investimenti;
  • spese per servizi di consulenza, studi e progetti (audit, certificazione energetica, progettazione tecnica ed economico-finanziaria, redazione dei piani della sicurezza, direzione lavori, sicurezza e collaudo soltanto per la realizzazione degli investimenti);
  • spese generali, nella misura del 10% dell’importo finanziato solo se basate sui costi sostenuti per l'esecuzione del progetto.

Tipologia delle agevolazioni:l’agevolazione è concessa sotto forma di finanziamento a tasso agevolato (mutuo chirografario) e può coprire fino al 100% delle spese ammissibili.
La domanda di finanziamento dovrà riguardare una spesa compresa tra un minimo di 100 mila euro ed un massimo di 5 milioni di euro.
Il finanziamento si articola in due componenti di pari durata:

  • una quota a tasso agevolato (zero), pari al 75% del finanziamento, messa a disposizione dalla regione;
  • una quota a tasso ordinario, pari al restante 25% del finanziamento, messa a disposizione dalle banche convenzionate.

Scadenza: fino a esaurimento delle risorse e comunque non oltre il 30 giugno 2014

Foto di SandiaLabs

CONDIVIDI SUL WEB
Vuoi ricevere sulla tua email aggiornamenti e notizie?




1741


  Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy, autorizzo il trattamento dei miei dati personali.