Logo Regione Lazio

Area SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE, TERZO SETTORE E SPORT

Cura le iniziative e le attività volte allo sviluppo della cultura e della pratica della sussidiarietà e del welfare comunitario e inclusivo. Cura le iniziative e le azioni di empowerment e sviluppo della partecipazione dei soggetti di terzo settore, della cooperazione sociale, del volontariato, dell'Impresa Sociale nel Lazio. Cura lo sviluppo e l’implementazione di un modello di valutazione di impatto sociale per il terzo settore. Promuove e sostiene le attività e le iniziative dell’Osservatorio del Volontariato e dell’Osservatorio APS. Cura lo sviluppo e l’implementazione di un modello di valutazione di impatto sociale per il terzo settore. Cura la tenuta dei registri regionali delle organizzazioni di volontariato, delle associazioni di promozione sociale, nonché la tenuta dell'albo regionale delle cooperative sociali. Fornisce attività di supporto agli organismi rappresentativi del Terzo Settore previsti da normative statali o regionali. Cura i rapporti con il Comitato di gestione ex lege n. 266/1991 e con i centri di servizio per il volontariato. Cura i siti istituzionali di servizi in materia di terzo settore, di concerto con l'Area competente in materia di comunicazione. Cura gli interventi regionali di sostegno ai servizi residenziali per le persone disabili, in ambito socio assistenziale e socio sanitario. Cura gli adempimenti inerenti in materia di Servizio Civile. Cura i rapporti con l'Ufficio Nazionale del Servizio Civile. Cura la tenuta dell'albo regionale e le procedure di accreditamento degli enti e delle organizzazioni che svolgono attività in materia di servizio civile. Effettua la valutazione, il monitoraggio e la verifica dei progetti di competenza regionale in materia. Promuove attività di formazione e comunicazione per la diffusione del servizio civile e il miglioramento della qualità dei progetti. Cura l'attività relativa alla programmazione degli interventi socio-assistenziali ed alla programmazione degli interventi finanziati con fondi europei (FSE, FESR, ecc…). Cura i siti istituzionali in materia di terzo settore e quello in materia di servizio civile, di concerto con l'Area competente in materia di comunicazione. Cura le azioni regionali specifiche in materia di agricoltura sociale dirette a fasce di popolazione svantaggiate, in raccordo con la Direzione regionale competente in materia di agricoltura. Provvede alle attività, ai programmi ed alle iniziative nel campo dello sport, dello sport agonistico, amatoriale, di cittadinanza e dell’attività motoria. Sostiene programmi e iniziative per la promozione e la diffusione delle diverse discipline sportive e promuove un adeguato sviluppo dell’impiantistica sportiva. Provvede a tutti gli adempimenti concernente l’erogazione ai finanziamenti. Cura l'attività relativa alla programmazione degli interventi finanziati con fondi europei (FSE, FESR, ecc…), nell’ambito della convenzione stipulata con l’Autorità di Gestione. Elabora programmi e iniziative a contenuto promozionale di rilevanza regionale ed interregionale nel campo dello sport. Sostiene programmi di iniziative per la promozione e la diffusione dell'attività motoria e delle diverse disciplina sportive. Promuove un adeguato sviluppo dell'impiantistica sportiva e sostiene il rinnovo delle attrezzature. Promuove programmi per favorire la pratica sportiva non agonistica come elemento di benessere psicofisico per tutte le età. Realizza specifici programmi per la partecipazione alle attività sportive delle persone diversamente abili. Cura l'attività di osservatorio sulle realtà dello sport, anche in collaborazione con gli enti locali e con gli altri enti pubblici e privati operanti nel settore. Cura i rapporti con gli Enti e le Associazioni che operano nelle attività sportive e del tempo libero. Svolge attività di comunicazione per le iniziative di particolare rilievo e cura l’implementazione del portale regionale relativo allo sport. Promuove iniziative in favore del tempo libero. Cura gli adempimenti di competenza della Regione previsti dalla legge regionale 21/1996 (Disciplina della professione di maestro di sci e ordinamento delle scuole di sci) e successive modifiche, con esclusione di quelli concernenti l’organizzazione dei corsi di abilitazione all’esercizio della professione di maestro di sci.
 
RICERCA PERSONALE

Inserire il COGNOME (per esteso o solo le prime lettere) o il NUMERO TELEFONICO (N.B. inserire il numero nella forma 0651681234 oppure 1234).

RICERCA STRUTTURA

Inserire il NOME DI UNA STRUTTURA per esteso o parziale (es. 'turismo' o 'agenzia regionale per il turismo') o il NUMERO TELEFONICO (N.B. inserire il numero nella forma 0651681234 oppure 1234).