Sei in: Home \ la giunta regionale \ ravera
    assessore ravera
    LIDIA RAVERA
    Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
    Il primo progetto del cantiere cultura è pagare i conti. Banalmente. Prioritariamente.

    Gestire del denaro pubblico per il bene comune  è una responsabilità enorme.

    Ho sempre creduto e sostenuto che la società civile, questa garbata astrazione che rimanda a donne e uomini benedetti da una vita normale, deve partecipare alla politica. Gestire poteri. Governare territori. Misurarsi con la vischiosità del reale, con la lingua opaca della burocrazia. E venirne fuori, con progetti chiari, condivisibili. Da comunicare.

    Ci proverò, ci sto già provando.

    Penso che devi trattare il "bene culturale" come  se fosse un cosa tua, se una cosa è tua, te  ne prendi cura. La valorizzi, la vivi, la mostri con orgoglio. Non la svendi. Non la trascuri. Non la lasci cadere a pezzi.

    Principi astratti? Il secondo progetto del cantiere cultura è concretizzarli.

    In questi pochi mesi, grazie alla collaborazione del Presidente e dell'assessore allo sviluppo economico Guido Fabiani e dell'assessora al Bilancio Alessandra Sartore, sono state – come si suol dire – trovate le risorse per digitalizzare le sale cinematografiche del Lazio, altrimenti a rischio chiusura. È stata scongiurata la cancellazione della stagione estiva  messa a repentaglio da quasi due milioni e mezzo di debiti. Da Rieti, a Vulci, sono stati previsti arte, spettacolo e cultura con la massima diffusione possibile: da giovani attori attrici e performer e danzatori e registi che invaderanno pacificamente e creativamente il territorio per una settimana di spettacoli dal vivo, a concerti, teatro per i bambini, campus di musica classica...

    Abbiamo realizzato un evento a Villa Adriana, come promessa di ripresa: Vinicio Capossela, con il suo nuovo spettacolo in anteprima "Il carnevale degli animali". L’estate prossima il FestiVAl Internazionale interrotto dal 2012 sarà di nuovo in scena.

    Stiamo per ri-finanziare le biblioteche e i piccoli musei e archivi, anch'essi a rischio disastro per mancanza di fondi.

    È quasi pronta una nuova legge sullo Spettacolo dal vivo, quella che ho trovato era una "legge ponte" vecchia di 35 anni. Così la nuova legge sul cinema, che rispecchia criteri di snellimento, apertura, sostegno ai più deboli, a chi si muove fuori dal mercato, puntualità nell'erogazione, efficienza e trasparenza.

    (facile dirlo? Si può anche farlo)

    Alla delega alla cultura si accompagna quella alle politiche giovanili. Lontano da me considerarlo un impegno minore. Una regione che non investe nei suoi giovani è senza futuro. Voglio costruire opportunità concrete per giovani donne e giovani uomini. Ridistribuire occasioni di sviluppo culturale, economico e sociale per promuovere i talenti in maniera democratica. I migliori talenti, non i soliti noti.

    Alla fine della primavera è stato pubblicato il Bando per il sostegno alle Comunità Giovanili. Il primo di una serie, spero lunga. È già in cantiere il Bando delle idee che sarà presentato in autunno. Prima dell’estate sarà inaugurata la nuova Officina dell’Arte e dei Mestieri di Canino che in questi mesi abbiamo accompagnato al traguardo finale. Altre ne seguiranno prima della fine dell’anno. È solo l’inizio.

    Poi verrà tutto il resto: finanziamenti mirati al fare, senza condizionamenti. Anagrafe dei gruppi spontanei, spazio e possibilità di misurarsi con il reale, incentivare la creatività diffusa, offrendo occasioni. Bandi cristallini. Decentramento e sostegno alle province, ai paesi. Valorizzazione, finalmente, della cultura. Come piacere, come diritto, come bene comune.
    assessore ravera
    LIDIA RAVERA
    Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
    Scrittrice, giornalista italiana ha pubblicato 29 libri, per lo più romanzi, e collaborato a 66 sceneggiature per il cinema e per alcune serie televisive della RAI.

    Dopo gli studi, compiuti al liceo classico Vincenzo Gioberti, raggiunge la notorietà nel 1976 con il romanzo 'Porci con le ali', scritto a quattro mani insieme a Marco Lombardo Radice (con lo pseudonimo di "Antonia").

    In seguito scrive diversi romanzi e saggi. 'Le seduzioni dell'inverno' è stato finalista al Premio Strega 2008. L'ultimo, pubblicato con Bompiani, è 'Piangi Pure'.

    Collabora con Micromega e Il Fatto Quotidiano.

    Avviso informativo per la presentazione di domande per: “Avviso Pubblico per il sostegno a Rassegne e Festival di spettacolo dal vivo nella Regione Lazio”

    logo
    17/12/2013 - 

    Si informa che il 16 gennaio 2014 scadranno i termini per la presentazione delle domande per l’Avviso Pubblico per il sostegno a Rassegne e Festival di spettacolo dal vivo nella Regione Lazio ai sensi della Legge Regionale 32/78. 
    Si specifica che il presente bando mira unicamente alla predisposizione di una graduatoria di progetti finanziabili ai sensi della L.R. 32/78. L’inserimento in graduatoria non comporta pertanto obblighi a carico della Regione Lazio in ordine alla concessione del contributo.

    A) Soggetti beneficiari
    Associazioni, costituite per atto pubblico o scrittura privata registrata, fondazioni e cooperative, che svolgono attività  nel campo dello spettacolo e della promozione
    culturale,  che non svolgono attività partitiche oppure realizzano iniziative politiche. Possono altresì presentare domanda di contributo gli enti locali, in forma singola o associata.
    Sono esclusi dal presente bando enti ed organismi finanziati direttamente dal Bilancio della Regione Lazio.

    B) Caratteristiche dei progetti

    • Rassegne e Festival di teatro, musica e danza, costituiti da pluralità di spettacoli ospitati, prodotti o coprodotti nell’ambito di un coerente progetto culturale, che devono riguardare le seguenti finalità:
    • l'innalzamento del livello artistico dell'offerta di spettacolo;
    • la formazione di nuovo pubblico;
    • l’incontro, soprattutto dei giovani, con i nuovi linguaggi dello spettacolo e la multidisciplinarietà;
    • la promozione attraverso lo spettacolo delle eccellenze artistiche, archeologiche, storiche, ambientali e paesistiche del territorio;

    ed avere le seguenti caratteristiche:

    • Ricorrenza di almeno tre anni;
    • Capacità di rappresentare un ruolo di particolare rilievo per la politica culturale della regione per la qualità dei programmi realizzati, la loro diffusione, le caratteristiche artistiche ed organizzative, il coinvolgimento di artisti e personalità di livello nazionale ed internazionale;
    • Radicamento sul territorio documentato anche dalla partecipazione di ampie fasce di pubblico;
    • Capacità delle iniziative  di sviluppare la conoscenza dei cittadini, riqualificando e valorizzando l’identità del territorio;
    • Definizione ed attuazione di un adeguato programma di comunicazione con significative  presenze su media. 

    C) Presentazione delle istanze
    Per partecipare al bando i soggetti interessati devono presentare domanda  utilizzando la procedura informatica ed inviarla anche in forma cartacea.

    La procedura on line, che rimarrà disponibile fino alle ore 12.00 del 16 gennaio 2014 dopo aver verificato la correttezza dei dati inseriti, permetterà la trasmissione informatica e la stampa dell’intera domanda..
    Essa, sottoscritta in ogni pagina dal legale rappresentante dell’organismo richiedente, dovrà essere spedita, completa di tutti gli allegati, in un plico, a mezzo raccomandata A.R., alla Regione Lazio – Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili- Area GR/07/03 - Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 - 00145 Roma, oppure consegnati a mano al servizio Accettazione della Regione, allo stesso indirizzo, entro il termine di scadenza.

    I plichi dovranno riportare la dicitura:

    Avviso pubblico per il sostegno a Rassegne e Festival di spettacolo dal vivo nella Regione Lazio. 

    L’invio della domanda mediante modalità diverse da quelle indicate od oltre il termine sopra indicato sarà  motivo di esclusione. La documentazione presentata non sarà restituita.

    Non verranno prese in considerazione le istanze:

    • presentate fuori termine;
    • pervenute da soggetti privi dei requisiti previsti dal bando;
    • incomplete della documentazione richiesta o presentate secondo una procedura differente da quella indicata al punto C).
    • riguardanti le attività turistiche, religiose, le sagre, le iniziative delle pro-loco, anche se accompagnate da attività di spettacolo.

    Il sostegno regionale non potrà essere superiore a € 150.000,00 

    Al soggetto beneficiario dei contributi  è fatto obbligo del puntuale rispetto delle disposizioni contenute nell’art. 20 della L.R. n. 16 del 20 maggio 1996 “1. Tutti i soggetti beneficiari di contributi finanziari da parte della Regione Lazio, ivi compresi quelli di provenienza statale e comunitaria, sono obbligati negli atti di informazione, compresi manifesti e cartellonistica, a citare espressamente le fonti finanziarie dalle quali derivano i contributi medesimi….”.

    In particolare deve essere riportato il logo della Regione Lazio –Cultura e Politiche Giovanili  

    Per informazioni amministrative e di merito o per chiarimenti sulla procedura informatica per la presentazione delle domande rivolgersi al seguente contatto:

    spettacolodalvivo@regione.lazio.it

     
    assessore ravera
    LIDIA RAVERA
    Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
    Segreteria Assessore alla Cultura e Politiche Giovanili
    Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 - 00145
    Tel. 0651683881/0651686440
    Fax 0651684059

    Direzione Regionale Cultura e Politiche Giovanili
    Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 - 00145

    Mail: lravera@regione.lazio.it
     

    PRIMO PIANO

    RECENTI

    Pagina 1 di 11

       

    RICERCA

    IN EVIDENZA

    avviso pubblico residenzelive in lazioBANDO_CINEMA_BENEFICIARIbando_cinema_proroga