Formazione degli operatori sanitari e presidi antiviolenza

Saranno due le direttici di azione che partiranno nei prossimi mesi. La prima, la formazione degli operatori sanitari, sociosanitari, psicosociali che operano nei servizi di Pronto Soccorso ed emergenza perché possano ricevere gli strumenti necessari per riconoscere le possibili vittime di violenza. La seconda, la realizzazione di un sistema di presidi e spazi protetti nei Pronto Soccorso del Lazio in collaborazione con le associazioni antiviolenza.

Questi interventi rappresentano i pilastri per il riconoscimento delle vittime di violenza e per intercettare nel momento di maggior bisogno la possibilità di una fuoriuscita dal circuito della violenza.

Investimento: € 300.000