Ai fini della partecipazione al bando, i trentacinque anni stabiliti quali limite anagrafico si intendono compiuti o meno?

NON COMPIUTI. L’art. 5 indica chiaramente “fino al compimento del trentacinquesimo anno di età” e “non abbia compiuto il trentacinquesimo anno di età”, rispettivamente per i componenti di gruppi informali e associazioni giovanili. Pertanto il limite massimo di età è in entrambi i casi di 34 anni e 364 giorni.

Quando deve essere rispettato il requisito dell'età inferiore ai trentacinque anni di ciascun componente del gruppo informale? Fino a quando deve essere mantenuto?

I requisiti per la presentazione di domande di contributo devono essere posseduti al momento della pubblicazione del bando (3 marzo 2020). Dunque un gruppo in cui uno dei cui componenti compia i 35 anni in momento successivo non incorre nella decadenza dalla legittimazione a presentare domanda. Resta tuttavia il successivo obbligo, in caso di ammissione a contributo, di costituirsi in Associazione Giovanile che dovrà presentare tutti i requisiti previsti dal comma 2 dell’art. 5 tra i quali essere dotate di un consiglio direttivo, la metà più uno dei cui componenti non abbia compiuto il trentacinquesimo anno di età.

È necessario che tutti i componenti di un gruppo informale siano residenti nel Lazio?

Ai sensi dell’art. 5, comma 1, del bando, la residenza nel Lazio di tutti i cittadini facenti parte del gruppo informale è requisito necessario di partecipazione.

Quando deve essere rispettato il requisito della residenza nel Lazio di ciascun componente del gruppo informale?

La residenza deve essere posseduta al momento di pubblicazione del bando (3 marzo 2020).

In caso di partecipazione da parte di un gruppo informale, questo deve essere già costituito prima dell'invio del progetto?

NO. Proprio in quanto gruppo informale, non è necessaria la sua previa costituzione. Il gruppo informale diventa tale al momento della presentazione della domanda, quando ne andranno indicati tutti i componenti. Come indicato all’art. 5 comma 4-bis dell’Avviso, resta tuttavia il successivo obbligo, in caso di ammissione a contributo, di costituirsi in Associazione Giovanile che dovrà presentare tutti i requisiti previsti dal comma 2 ed essere composta per la maggioranza dei suoi associati dai medesimi componenti del gruppo informale.

Società o di una cooperativa composta in maggioranza da giovani possono presentare un progetto?

NO, in quanto soggetti legittimati a presentare proposte progettuali sono esclusivamente le Associazioni Giovanili, singolarmente o riunite in ATS, nonché gruppi informali di cittadini residenti nel Lazio, fino al compimento del trentacinquesimo anno di età (art. 5 dell’Avviso pubblico).

GRUPPI INFORMALI - Sono domiciliato nel Lazio, posso far parte di un gruppo informale?

No, purtroppo non è possibile far parte del gruppo informale: è necessario essere nel Lazio. Si Potrà comunque essere coinvolti nella futura Associazione Giovanile.

GRUPPI INFORMALI - È possibile partecipare al bando Vitamina G se si ha un lavoro, se si è studenti, liberi professionisti, disoccupati… o se si percepiscono bonus/sostegni/redditi etc. particolari?

Si, certo.

GRUPPI INFORMALI - Posso partecipare al bando anche se sono già stato vincitore in passato del Bando delle Idee, delle Comunità Giovanili o di altri bandi di Regione Lazio?

Si, certo. Non vi è alcuna incompatibilità.

GRUPPI INFORMALI - In caso di gruppi informali, l’Associazione da costituirsi entro 60 giorni dalla pubblicazione delle graduatorie dovrà avere P.IVA?

No, l’apertura della P.IVA non è necessaria. Sarà sufficiente il Codice Fiscale.

ASSOCIAZIONI – Possiamo partecipare al bando anche non avendo alcuna sede operativa ma solo la sede legale nel Lazio?

Si, certo. Unico requisito previsto dal bando, in merito alla sede, è avere la sede legale all’interno del territorio regionale.

ASSOCIAZIONI – È necessaria la P.IVA per partecipare al Bando?

No, non è necessaria.

Il bando è da intendersi rivolto alla realizzazione di progetti di natura sociale, culturale, aggregativa, etc., oppure come contributo all'imprenditoria?

Il bando non attiene al finanziamento di attività imprenditoriali, ma ha per oggetto esclusivamente progetti dalla durata massima di dodici mesi, ricadenti negli ambiti di intervento elencati all’art. 3.

Quando nel bando si parla di sede operativa, si intende la sede dove si vuole sviluppare il progetto o la sede operativa dell'associazione?

La sede costituisce requisito soggettivo dell’Associazione, che non deve necessariamente corrispondere alla sede dove verrà svolto il progetto.

Il luogo nel quale avrà sede il progetto la associazione giovanile, può essere messo a disposizione da parte di uno dei soggetti sostenitori?

La messa a disposizione di una sede per lo svolgimento del progetto può essere considerata una delle modalità nelle quali si concretizza l’apporto di eventuali soggetti sostenitori, che dovrà essere adeguatamente comprovato in sede di presentazione della proposta.

Il progetto deve svolgersi presso una sede fisica di una sola provincia oppure può svolgersi su più sedi in più province?

Il progetto può svolgersi anche in più sedi; tuttavia, come indicato all’art. 3 comma 2 dell’Avviso, è necessaria l’individuazione del territorio provinciale nel quale si svolgeranno in maniera prevalente le attività da esso previste.

Entro quando le attività dei progetti risultati ammessi a contributo dovranno essere avviate?

I progetti presentati saranno valutati da apposita commissione tecnica, da costituirsi presso la Direzione Regionale Cultura, Politiche Giovanili e Lazio Creativo; i proponenti di quelli ammessi a contributo saranno tenuti a stipulare una convenzione con l’Amministrazione regionale o, per conto dell’Amministrazione regionale, con l’Ente erogatore, nella quale saranno definiti i reciproci obblighi, tra i quali i tempi e le modalità di avvio delle attività (artt. 12 e 13 del bando).

Il progetto può durare anche meno di 12 mesi?

Si, il progetto può durare anche meno di 12 mesi.

Le lettere di incarico dei collaboratori esterne deve essere presentata contestualmente alla domanda di partecipazione al bando?

No, ai sensi dell’art 16, non vanno presentate le lettere di incarico bensì le dichiarazioni di collaborazione sottoscritte dalle risorse umane esterne.

[...] Sono ammessi alla valutazione progetti della durata non superiore a un anno [...]". Questo significa che sono presi in considerazione solo progetti temporanei?

Il presente avviso sostiene economicamente il progetto e le sue attività per massimo 12 mesi. Se dopo il periodo sostenuto economicamente da Regione Lazio, il progetto prosegue ciò è positivo e verrà tenuto in considerazione durante la fase di valutazione del progetto (criterio di valutazione: FOLLOW-UP). Il progetto può proseguire oltre la scadenza prevista, nelle forme e nelle modalità scelte in autonomia dal proponente.

Il contributo previsto dal bando è a fondo perduto?

SI. Il contributo è soggetto all’obbligo di rendicontazione e alla necessaria conformità delle spese a quanto previsto dal bando, che sarà oggetto di verifica successiva da parte della struttura regionale competente.

Qual è il contributo massimo che è possibile richiedere per singola proposta progettuale?

L’ammontare massimo del contributo è di euro 25.000,00. È tuttavia possibile presentare progetti che abbiano un valore superiore, fino a un massimo di euro 50.000,00. In caso di progetti di valore superiore a euro 25.000,00, ogni somma eccedente tale cifra dovrà essere a carico del proponente e/o di sue ulteriori fonti di finanziamento

Sono ammesse richieste di contributi per la ristrutturazione di un locale nel quale svolgere le attività di progetto o per altre opere necessaria alla sua realizzazione?

NO. Ai sensi dell’art. 16, non sono ammissibili spese in conto capitale a valere sulle risorse regionali. Sono pertanto escluse quelle di ristrutturazione immobiliare o di manutenzione straordinaria o per l’acquisto di beni e attrezzature durevoli.

I costi di apertura della fidejussione sono rimborsabili?

La fideiussione, con l’aggiornamento del testo del bando del 18/06/2020, non è più richiesta.

È possibile l'acquisto di attrezzature finalizzate alla realizzazione del progetto?

NO, a meno che si tratti di beni non durevoli di carattere strumentale (es. cancelleria e consumabili) e dunque di valore minimo. Essendo il bando finalizzato all’attuazione di progetti della durata massima di dodici mesi, per quanto concerne i beni materiali è previsto esclusivamente l’affitto, il noleggio o altre formule che comunque non implichino il trasferimento della proprietà di beni, a meno che si tratti di beni non durevoli di carattere strumentale (es. cancelleria e consumabili) e dunque di valore minimo. Del resto, l’art. 16 esclude esplicitamente che possano essere riconosciute spese in conto capitale.

La fideiussione è richiesta?

No, a seguito dell’aggiornamento dell’avviso del 19 giugno, la fideiussione non è più richiesta.

I costi di ristrutturazione sono ammissibili?

No, i costi di ristrutturazione non possono essere coperti dal contributo regionale

I costi per il commercialista sono ammissibili?

I costi del commercialista, se inerenti alle attività del progetto, sono costi ammissibili.

Le spese di affitto della sede/sala (etc) dove effettuare le attività sono ammissibili?

Si tali spese, se inerenti le attività e il progetto, sono ammissibili.

In caso di gruppo informale, i costi di costituzione dell’Associazione sono ammissibili?

No, non sono ammissibili.

È possibile prevedere biglietti d’ingresso all’evento che organizzeremo?

Si è possibile purché in linea con quanto previsto al punto 4 dell’art.12 dell’Avviso. . Il contributo regionale concedibile ed erogabile non può superare i limiti indicati nei precedenti commi, fermo restando il limite del pareggio di bilancio del progetto, corrispondente alla differenza tra spese sostenute ed eventuali entrate percepite (anche a titolo di apporti finanziari dei soggetti sostenitori, sponsorizzazioni o altri contributi pubblici o privati) in relazione alle attività realizzate.

Nel caso in cui i costi complessivi del progetto fossero uguali o inferiori a 25.000,00 euro, possiamo chiedere come contributo la totalità della somma che serve a finanziare il progetto?

Si, è possibile, fermo restando che il finanziamento regionale non sostituisce le eventuali quote di cofinanziamento del progetto.

Nell’ambito dei sistemi di valutazione, un progetto di valore economico superiore può acquisire punteggi in più?

Il valore economico del progetto presentato non rientra tra i criteri di valutazione previsti dall’art. 10 che attengono soltanto alla qualità della proposta progettuale. Tra i criteri di valutazione rientra, invece, alla lettera f) dell’art. 10, la “congruità dei costi rispetto alle attività della proposta progettuale”.

Si possono allegare ulteriori documenti alla scheda progettuale per meglio spiegare il progetto?

SI. Può essere allegato ogni eventuale ulteriore documentazione che, in relazione ai criteri di valutazione dei progetti, consenta alla Commissione di attribuire i relativi punteggi (progetti precedentemente attuati, curricula dei soggetti coinvolti nell’intervento, accordi/intese con soggetti pubblici e privati, di adesione a progetti territoriali, di attuazione di forme di collaborazione in rete etc.).

Qual è il termine ultimo per presentare quesiti?

Il termine è di cinque giorni lavorativi prima della scadenza del termine per l’invio delle proposte.

La PEC può essere intestata a un mio genitore?

NO. L’art. 7 prevede, in caso di trasmissione via PEC, che la stessa faccia riferimento esclusivo all’Associazione proponente, singola o riunita in ATS, ovvero al portavoce di ciascun gruppo informale.

Nel modello B, al punto 5 si dice che la lunghezza massima deve essere di 20.000 caratteri. Si intende che ogni sottoinsieme del punto 5 - da 5.1 a 5.6 - possa essere di max 20.000 caratteri oppure che la somma di tutti i sottoinsiemi 5.1-5.6 debba essere di max 20.000 caratteri?

Il limite di battute si riferisce nel complesso a tutti i punti elencati sotto il n. 5, da articolare liberamente secondo le esigenze.

È ammessa la firma digitale non potendo firmare il progetto tutti i componenti del gruppo informale insieme?

La sottoscrizione deve avvenire nelle forme previste dalla normativa vigente. Per i gruppi informali è ammessa la firma digitale, purché la domanda trasmessa presenti le firme di tutti i loro componenti nello stesso formato digitale.

MODELLO B - Per quanto riguarda l’ambito di intervento è necessario inserire soltanto la lettera di riferimento oppure la dicitura esplicata all’art. 3 del Bando?

Come si preferisce, purché il riferimento all’ambito d’intervento sia chiaro ed esplicito.

MODELLO B – Nella tabella “cronoprogramma” i numeri che indicano i mesi da 1 a 12 sono da intendersi come da gennaio (1) a dicembre (12) oppure se 1 è l'inizio dell'attività a prescindere dal mese di calendario?

I numeri dei mesi 1,2,3…12 sono da intendersi come “primo mese di progetto”, “secondo mese di progetto”, “terzo mese di progetto”… “dodicesimo mese di progetto” e non come “gennaio”…”dicembre”.

MODELLO B – Cosa si intende per “indicatori per la valutazione di impatto del progetto”?

Gli “indicatori per la valutazione di impatto del progetto” sono quei parametri, qualitativi e/o quantitativi, oggettivi e misurabili attraverso i quali si possa valutare il raggiungimento degli obiettivi del progetto.

MODELLO C - Cosa si intende per “Preparazione”?

La macrovoce “Preparazione” non può superare il limite del 5% dell’importo totale del progetto comprende tutte quelle attività di ideazione e progettazione dell’iniziativa e delle sue attività. Le spese imputate alla voce “Preparazione” saranno riconosciute dalla Regione Lazio anche se effettuate prima della pubblicazione delle graduatorie.

MODELLO C - Cosa si intende per “Diffusione Risultati”?

La macrovoce “Diffusione dei risultati” comprende il processo di diffusione, trasferimento e disseminazione delle informazioni sui risultati del progetto, sulle attività e sugli attori coinvolti. La diffusione inizia ovviamente quando i risultati del progetto diventano disponibili.

MODELLO C - Nella tabella "Dettaglio costi per fase e tipo di attività" quali voci di costo vanno elencate?

Nella tabella “Dettaglio costi per fase e tipo di attività” del MODELLO C vanno specificate tutte le voci di costo che concorrono all’ammontare complessivo del progetto.

MODELLO C- È necessario allegare i preventivi?

No, non è necessario allegare preventivi. È sufficiente compilare il MODELLO C; la congruità dei costi sarà valutata ai sensi del punto F comma 3 art.10.

MODELLO F - per quanto riguarda il Modello F, deve essere prodotto e firmato un documento per ciascun componente il gruppo informale?

Si, esatto.

In caso di gruppo informale, come devono essere firmati i MODELLI? È necessario dotarsi di un timbro?

Mod. A2 – firmato da tutti i componenti del gruppo informale (se siete più di tre, aggiungete righe di firma)
Mod. B – firmato da tutti i componenti del gruppo informale (se serve aggiungete righe di firma)
Mod. C – firmato  da tutti i componenti del gruppo informale (se serve aggiungete righe di firma).
Mod. D2 – ogni componente compila e firma il suo modello
Mod. E – firmato e timbrato dal Legale Rappresentante degli eventuali soggetti sostenitori. Ogni soggetto sostenitore compila, firma e timbra il suo modello e allega il documento di identità del legale rappresentante del Soggetto Sostenitore.
Mod. F – ogni componente compila e firma il suo modello

Per i gruppi informali il timbro non è necessario.

Per le risorse umane esterne e i soggetti terzi che contribuiscono a qualificare il progetto è necessario redigere, far sottoscrivere e allegare una lettera di collaborazione.

Si rammenta tuttavia la necessità di allegare la copia fotostatica non autenticata di un documento di identità di ciascuno dei sottoscrittori, in corso di validità ai sensi dell’art. 38 D.P.R. n.445/2000.

Esiste un formato prestabilito per l’invio dei documenti?

No, non ci sono modalità prestabilite. Unico requisito è che ad ogni PEC corrisponda una ed una sola domanda.

I soci della costituenda Associazione Giovanile, qualora dovessero svolgere un’attività progettuale, potranno essere retribuiti con prestazioni occasionali (ritenuta d’acconto) o dovranno essere obbligatoriamente assunti?

L’Avviso non pone limiti al riguardo. Requisito fondamentale è che, qualunque tipologia di contratto si decida di applicare, sia conforme alle normative in materia e il costo sia calcolato secondo il CCNL di riferimento.

Come devono essere predisposte le lettere di collaborazione per le risorse umane esterne che contribuiscono a qualificare il progetto?

Non vi sono fac-simile relativi alle lettere di collaborazione per le risorse umane esterne che contribuiscono a qualificare il progetto. La redazione è lasciata alla vostra autonomia. Ad esempio, potreste includere la tipologia di prestazione professionale, la/e fase/i di progetto in cui dovrà essere effettuata, la durata in ore, il corrispettivo orario.

Per le risorse umane esterne che contribuiscono a qualificare il progetto è necessario presentare la lettera di incarico?

No, è sufficiente presentare una dichiarazione di collaborazione al progetto presentato.

Un soggetto terzo può essere coinvolto anche in più di un progetto?

Si, il bando non prevede limitazioni in tal senso.

È obbligatorio avere uno o più soggetti sostenitori?

No, non è obbligatorio ma è premiante nell’ambito dei criteri di valutazione.

Un soggetto sostenitore può sostenere anche più di un progetto?

Si, il bando non prevede limitazioni in tal senso.

Per le risorse umane esterne che contribuiscono a qualificare il progetIl luogo nel quale avrà sede il progetto la associazione giovanile, può essere messo a disposizione da parte di uno dei soggetti sostenitori?to è necessario presentare la lettera di incarico?

La messa a disposizione di una sede per lo svolgimento del progetto può essere considerata una delle modalità nelle quali si concretizza l’apporto di eventuali soggetti sostenitori, che dovrà essere adeguatamente comprovato in sede di presentazione della proposta.

HAI UNA DOMANDA?

Scrivi all’indirizzo email areapolitichegiovanili@regione.lazio.it ; giovani@regione.lazio.it