Consigli per chi viaggia

Per proteggersi dalle malattie anche gravi trasmesse dalle punture delle zanzare e dei pappataci, chi visita alcuni Paesi deve seguire alcune precauzioni generali.

Malattie e paesi a rischio

DENGUE, CHIKUNGUNYA, ZIKA VIRUS E FEBBRE GIALLA
Sono diffuse nella fascia tropicale dove sono presenti, come evidenziato nelle mappe, zanzare del genere Aedes, vettori responsabili di queste infezioni. in Francia, Italia e Croazia si sono verificati casi autoctoni di Dengue e/o Chikungunya trasmessi da Aedes albopictus, meglio conosciuta come zanzara tigre.

INFEZIONE DA WEST NILE VIRUS
È segnalata in numerosi Paesi dell’Africa settentrionale, del Medio Oriente, dell’Europa (Italia compresa) e del Nord America. È trasmessa da zanzare del genere Culex.

MALARIA
È diffusa in Paesi del Centro e Sud America, Africa, Medio Oriente, Subcontinente Indiano, Sud Est Asiatico e Papua Nuova Guinea. È causata dai Plasmodi, parassiti trasmessi all’uomo dalle punture di zanzare del genere Anopheles.

LEISHMANIOSI
È causata da parassiti, le Leishmanie, trasmessi dalle punture dei flebotomi o pappataci. Ne esistono tre forme cliniche: viscerale, la più grave, cutanea e mucocutanea. I principali Paesi di diffusione sono: Afghanistan, Algeria, Arabia Saudita, Bangladesh, Bolivia, Brasile, Colombia, Etiopia, India, Iran, Pakistan, Perù, Siria, Sudan e Sud Sudan.

Cosa fare prima del viaggio

Presso gli ambulatori di Medicina dei viaggiatori delle Aziende Usl è possibile documentarsi:

  • sui rischi sanitari del Paese di destinazione e sulle misure per minimizzarli,
  • sulla necessità di eseguire la profilassi farmacologica contro la malaria,
  • sull’opportunità o obbligo di praticare la vaccinazione contro la febbre gialla.

Alle donne in stato di gravidanza, o che non escludono a breve il concepimento, e alle persone con malattie autoimmuni e/o gravi patologie croniche si raccomanda, a titolo precauzionale, di rimandare i viaggi verso i Paesi con epidemia di Zika virus in corso.
Se il viaggio non è rimandabile, è opportuno adottare in modo scrupoloso le misure di protezione individuale contro le punture di zanzara.

Cosa fare durante il viaggio

Indossare vestiti di colore chiaro che non lascino scoperte parti del corpo (camicie con maniche lunghe, pantaloni lunghi, ecc.)

  • utilizzare repellenti di provata efficacia sulle parti del corpo che restano scoperte,
  • evitare l’uso di profumi, creme e dopobarba,
  • è opportuno inoltre l’uso del preservativo nei Paesi con epidemia di Zika virus in corso poiché questa infezione può trasmettersi anche per via sessuale.

Nei luoghi di abitazione:

  • se possibile, dormire in camere con un efficiente condizionatore d’aria,
  • assicurarsi che ci siano zanzariere alle porte e alle finestre; in alternativa tenere queste ben chiuse e usare una zanzariera sopra il letto, rimboccandone i margini sotto il materasso
  • utilizzare spray antizanzare o diffusori di insetticida (fornelletti a corrente elettrica o a batteria).

Cosa fare dopo il viaggio

Al rientro dal viaggio, in caso di febbre o di disturbi, rivolgersi tempestivamente al proprio medico o a una struttura ospedaliera avendo cura di segnalare i Paesi visitati. Le donne in gravidanza che rientrano da un Paese con epidemia di Zika virus in corso devono rivolgersi al proprio medico per essere valutate nel corso delle visite prenatali.
A tutte le persone che rientrano da Paesi con epidemia di Zika virus in corso si consiglia di rivolgersi a un Consultorio dell’Azienda Usl per informazioni su un’attività sessuale sicura.

 

fonte Regione Emilia Romagna