Sei in: Home \ agricoltura \ prodotti del sottobosco

PRODOTTI DEL SOTTOBOSCO

Gli ambienti naturali ospitano comunità di individui costituite da piante, animali ed altri organismi.

Gli individui di una comunità  interagiscono tra loro e con l'ambiente circostante  mediante complessi rapporti di alleanza o competizione per il nutrimento e, nel caso delle piante, per la luce solare.

La complessa rete di relazioni che si instaurano all'interno di una comunità raggiunge uno stato di stabile, e nello stesso tempo,  delicato equilibrio nel corso degli anni e  in seguito ad un lungo processo di selezione naturale.

Il bosco è uno degli ambienti naturali più complessi in cui vivono  piante  arboree di alto fusto, arbusti, piante erbacee, e più prossimi al suolo,  muschi, licheni, funghi, ecc. che nel loro complesso costituiscono il sottobosco.

Il sottobosco protegge il suolo dal disseccamento rendendolo,  mediante l'azione di organismi decompositori,  più  fertile e permeabile.

Per  "prodotti del sottobosco" si intendono i frutti commestibili di alcune specie vegetali quali ribes, lamponi, mirtilli, rovi, fragole di bosco, nonché piante erbacee ed arbusti quali asparago selvatico, ginepro,  corbezzolo, mirto, ed ancora  funghi epigei e tartufi.

Una raccolta indiscriminata da parte dell'uomo degli organismi che popolano il sottobosco modifica i delicati rapporti tra le specie viventi; poiché ogni  disturbo arrecato ad un equilibrio in natura richiede tempo per il ripristino delle condizioni precedenti,  possono essere causati danni di incalcolabile gravità spesso irreparabili se tali azioni non vengono rigorosamente evitate.

In questa sezione sono, dunque, illustrati i riferimenti legislativi regionali che disciplinano la  ricerca, la raccolta e la commercializzazione dei tartufi,  dei funghi epigei spontanei ed  altri prodotti del sottobosco. Osservare e rispettare le regole di ricerca e raccolta stabilite dalla normativa vigente consente  la propagazione delle specie viventi che popolano il sottobosco e la conservazione del patrimonio ambientale a beneficio ed  interesse di tutti.