Sei in: Home \ agricoltura \ sala stampa \ dettaglio notizia

ONORATI LANCIA APPELLO PER ADESIONE A ‘LAZIO LA REGIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI


04/07/2018 - 

L’assessore all’Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio, Enrica Onorati, ha partecipato stamattina alla riunione di coordinamento tecnico con i Comuni aderenti al progetto “Il Lazio, la Regione delle bambine e dei bambini”. 

La Regione Lazio ha, infatti, confermato, l’accordo di collaborazione con l’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del Consiglio Nazionale delle Ricerche per lo sviluppo del Progetto e della sua declinazione regionale, che dà all’amministrazione un ruolo di traino e di coordinamento a livello internazionale, rinnovandone l’impegno nella diffusione e nell’applicazione tra i Comuni del Lazio. 

“Vogliamo proporre ai Comuni una nuova filosofia di governo delle Città - ha dichiarato l’Assessore Onorati - assumendo i bambini come parametro di valutazione e di cambiamento, partendo dall’assunto che una città adatta a loro è una città migliore per tutti. Il Progetto, che orgogliosamente portiamo avanti come Regione, punta a sollecitare i Comuni a rivedere le proprie priorità avendo cura dei diritti dei bambini, portatori di istanze e di interessi che sono un vantaggio per l’intera comunità. Vogliamo una Regione a portata dei più piccoli, nostra grande risorsa, cittadini titolari di diritti e di doveri, portatori di istanze e di idee, di cui come amministratori dobbiamo tener conto. Per questo invito tutti i Comuni del Lazio ad aderire a questa iniziativa”. 

Attualmente le amministrazioni locali che hanno sposato il progetto sono: Subiaco, Vasanello, Genazzano, Rieti, Lenola, Formia, Pomezia, Vignanello, Serrone, Fiuggi, Latina, Oriolo Romano, Capena, Tolfa, Casperia, Priverno. 

Per fare parte della rete del Lazio, le fasi amministrative a cura dei Comuni sono: una delibera di adesione al Progetto; la compilazione di una scheda; un incontro di Giunta con i coordinatori del Progetto per presentare la proposta all’amministrazione; l’individuazione da parte del Sindaco di un referente e del personale che può gestire e promuovere il progetto costituendo un Laboratorio comunale; la partecipazione del referente e del personale del Laboratorio alla formazione e agli incontri di coordinamento previsti per condividere le esperienze e per ricevere supporto nello svolgimento delle attività dal Laboratorio di Coordinamento della Regione Lazio - Direzione Capitale Naturale, Parchi e Aree protette e dal CNR. 

Per dettagli e informazioni: www.parchilazio.it