Sei in: Home \ sviluppo economico \ agevolazioni per gli insediamenti produttivi

AGEVOLAZIONI PER GLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI

 

 

 

 

 

La Regione Lazio concede agevolazioni finanziarie, per la realizzazione di infrastrutture in aree da attrezzare per insediamenti artigianali ed industriali, attraverso l'applicazione di due leggi regionali: la L.R. n. 60 del 22 Settembre 1978, delle cui agevolazioni possono beneficiare i comuni, i consorzi tra comuni e i consorzi per le aree industriali di cui alla L.R. n. 13 del 29 Maggio 1997, e la L.R. n. 7 del 21 Gennaio 1988 che prevede la concessione di contributi in conto capitale a consorzi costituiti in forma di società anche cooperativa tra imprese industriali e/ o artigiane.

Inoltre, al fine di sostenere lo sviluppo economico, l’occupazione e di rafforzare la competitività del sistema produttivo locale delle aree interessate dalla crisi dello stabilimento FIAT di Piedimonte S. Germano (FR), la Regione, attraverso l’applicazione della L.R. 31 Dicembre 2002, n. 46, promuove ed attua interventi di qualificazione del tessuto produttivo e di valorizzazione delle potenzialità del territorio.

L’art. 63 della Legge n. 448/1998 consente ai Consorzi industriali, istituiti con legge regionale 29 Maggio 1997, n. 13, di:

  • riacquistare la proprietà delle aree cedute per intraprese industriali o artigianali nell'ipotesi in cui il cessionario non realizzi lo stabilimento nel termine di cinque anni dalla cessione” (comma 1);
  • di riacquistare unitamente alle aree cedute anche gli stabilimenti industriali o artigianali ivi realizzati nell'ipotesi in cui sia cessata l'attività industriale o artigianale da più di tre anni” (comma 2).

Al fine di favorire l’attrazione degli investimenti industriali e/o la ricollocazione delle imprese nel Lazio, attraverso l’applicazione dell’art. 63 della Legge n. 448/1998, la Regione Lazio concede anticipazioni per la copertura parziale dei costi di gestione sostenuti dai Consorzi per le suddette acquisizioni, che dovranno essere restituiti alla Regione Lazio secondo quanto indicato nelle “Modalità e Criteri” approvate con Deliberazione 21 giugno 2016, n. 341, a valere sulle risorse stanziate nelle annualità 2016-2018 con Legge Regionale 31 dicembre 2015, n. 18 “Bilancio di previsione finanziario della Regione Lazio 2016-2018”.