Sei in: Home \ sviluppo economico \ commercio \ commercio \ commercio su aree private

Commercio su aree private

(Commercio in sede fissa)

L’attività di vendita al dettaglio su aree private è disciplinata dal Titolo II – Capo I – della L.R. 33/99 e smi. In attuazione delle disposizioni normative, la Regione ha adottato il Documento Programmatico per l’insediamento delle attività commerciali su area privata, avente validità triennale DCR n. 131/2002, applicabile comunque fino all’adozione della sua revisione.

Si intende, per commercio in sede fissa, l’attività di vendita di merci al dettaglio, esercitata professionalmente, in appositi locali aventi destinazione commerciale (esercizi commerciali). I settori merceologici sono due: alimentare e non alimentare. Gli esercizi commerciali si differenziano, a seconda della superficie di vendita, in:

ESERCIZI DI VICINATO: aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq. nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e non superiore a 250 mq. nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.

MEDIE STRUTTURE DI VENDITA: aventi superficie di vendita superiore a 250 mq. e fino a 1.500 mq nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti, e fino a 2.500 mq. nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.

GRANDI STRUTTURE DI VENDITA: aventi superficie di vendita superiore a mq 1500 nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e superiore a mq 2500 nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.

Per CENTRO COMMERCIALE si intende una media o una grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura funzionalmente unitaria, a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente.

I procedimenti relativi all’attivazione, nonché trasferimento di sede, ampliamento della superficie di vendita e sub ingresso nella titolarità o gestione delle attività di vendita su area privata sono di competenza del comune di riferimento.