Sei in: Home \ sviluppo economico \ commercio \ commercio \ commercio su aree pubbliche

Commercio su aree pubbliche

Il Titolo III, Capo II della L.r. 33/99 disciplina l’attività di vendita al dettaglio su aree pubbliche.

Per commercio su area pubblica si intende l’attività di vendita di merci al dettaglio effettuata sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o sulle aree private delle quali il comune abbia la disponibilità, attrezzate o meno, coperte o scoperte. Tale attività può essere svolta su posteggio fisso o in forma itinerante. La competenza per il rilascio dell’autorizzazione è comunale: nel caso di autorizzazione su posteggio fisso è competente al rilascio il comune ove ha sede il posteggio; nel caso invece di autorizzazione in forma itinerante il comune competente al rilascio è quello dove l’operatore ha scelto di avviare l’attività. La Regione ha il compito di programmazione della rete distributiva sulle aree pubbliche.

Con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 139 del 19-2-2003 è stato adottato il documento programmatico per il commercio su aree pubbliche che ha validità triennale.

Anche tale settore è stato interessato dalle innovazioni introdotte dalle norme comunitarie e statali in materia di servizi e concorrenza. In attuazione dell’art. 70, c. 5 del D.Lgs 59/2010 (di recepimento della direttiva 2006/123/CE, cd. “Bolkestein” relativa ai servizi nel mercato interno) la Conferenza Unificata, ha approvato l’Intesa sui criteri per il rilascio ed il rinnovo delle concessioni dei posteggi su aree pubbliche e le disposizioni transitorie, in data 5 luglio 2012.

Per garantire uniforme attuazione in ambito nazionale dei contenuti dell’Intesa, è stato elaborato, dal Coordinamento Interregionale del Commercio, gruppo tecnico ristretto delle Regioni, un “Documento Unitario delle Regioni e Province Autonome per l'attuazione dell'Intesa della Conferenza Unificata del 05.07.2012, ex art. 70, c. 5 del D.Lgs 59/2010, in materia di Aree Pubbliche", approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 24 gennaio 2013.

Con la Delibera di Giunta n. 417/2014, la Regione Lazio ha preso atto del Documento Unitario, cui le amministrazioni comunali possono far riferimento per la definizione dei nuovi criteri per l’assegnazione dei posteggi nei mercati e nelle fiere.

A seguito delle ulteriori criticità riscontrate in sede di attuazione della predetta intesa, si è reso necessario riformulare, in sede di coordinamento interregionale per le attività produttive, un nuovo documento, approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Prov. Autonome il 3 agosto 2016. Con Delibera di Giunta n. 527 del 13 settembre 2016 la Regione Lazio ha preso atto del nuovo Documento che contiene ulteriori specificazioni dell’Intesa.

L’art. 40, comma 2, della L.R. 33/99 fissa le date utili per la trasmissione degli avvisi pubblici alla Regione: 30 aprile, 31 luglio e 31 ottobre e prevede la pubblicazione sul Burl entro i successivi 30 giorni.

La Giunta Regionale del Lazio ha approvato la DGR N. 647 del 27 ottobre 2016 con la quale sono state individuate altre due date, il 31 dicembre 2016 e il 28 febbraio 2017, per l’invio da parte dei Comuni, al fine della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio, degli avvisi pubblici riferiti alle concessioni per il commercio su area pubblica interessate dalle scadenze del 7 maggio 2017 e del 4 luglio 2017. Attraverso il portale regionale, alla voce BUR – Bollettino Ufficiale, è possibile consultare la Guida al servizio che consente la trasmissione in via telematica di tutti gli atti. (Le inserzioni devono essere trasmesse alla redazione 10 giorni lavorativi prima della pubblicazione del Bollettino)

E’ stato predisposto il questionario per il monitoraggio sullo stato di attuazione delle procedure di selezione e rilevazione delle criticità rappresentate dai Comuni, da trasmettere, debitamente compilato, alla seguente mail:

                                                 infocommercioareepubbliche@regione.lazio.it

 Alla predetta casella di posta elettronica dedicata è possibile inviare richieste di informazioni e/o chiarimenti.