Sei in: Home \ sviluppo economico \ green economy \ green economy \ linee guida apea

Linee Guida APEA

La Regione Lazio, ritenendo necessario dotarsi di un provvedimento attuativo diretto ad ottemperare agli impegni assunti con l’adesione alla Carta APEA, anche in attuazione della Legge regionale 6 Agosto 1999 n. 14 (art. 45), con Deliberazione della Giunta Regionale del 14 luglio 2015, n. 349, ha approvato le “Linee Guida APEA”, al fine di favorire l’istituzione delle Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate attraverso la pianificazione strategica, la destinazione di risorse finanziarie, le facilitazioni amministrative ai necessari investimenti anche dei privati, delineando una strategia articolata per la sostenibilità delle attività produttive, promuovendo l'eco-innovazione nelle infrastrutture, nei prodotti, nei processi produttivi, nonché nei servizi come fattore competitivo del sistema economico esistente e di quello relativo ai nuovi insediamenti produttivi ad ogni livello di pianificazione.

Le APEA regionali, come definite nelle Linee Guida, sono aree destinate ad attività produttiva industriale, artigianale, commerciale, agricola e alle ulteriori attività previste dall’articolo 1, comma 1, lettera i), del Decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010 , n. 160, anche in forma mista, caratterizzate dalla gestione integrata di infrastrutture, servizi centralizzati e risorse atti a garantire gli obiettivi di sostenibilità ambientale ed economica dello sviluppo locale e aumentare la competitività delle imprese insediate.

Le APEA, da un punto di vista territoriale, possono avere carattere puntuale o diffuso. Nel primo caso, la sede operativa dei Soggetti costituenti risulta ubicata in uno specifico e circoscrivibile ambito localizzativo; nel secondo caso, i Soggetti costituenti possono essere ubicati anche in ambiti territoriali non contigui, ma devono comunque dimostrare di mettere in atto idonei programmi ed azioni finalizzate a conseguire gli obiettivi di cui sopra anche attraverso una pianificazione strategica.

In ogni caso, le APEA devono essere caratterizzate dalla presenza di:

a) soggetti giuridici, pubblici e/o privati che attuino cessioni e/o trasferimenti di energia e/o reflui e/o sottoprodotti e/o servizi e/o capacità;

b) una o più infrastrutture, reti, servizi, sistemi comuni, caratterizzati da una gestione unitaria ed integrata degli stessi, idonei a garantire il perseguimento delle finalità dell’APEA;

c) due o più operatori che, all’interno di un protocollo di intesa, perseguano lo sviluppo congiunto e lo scambio di buone pratiche e ricerche innovative nel campo dell’ecoefficienza e dell’eco-innovazione;

d) un sistema di gestione effettuato a partire dal bilancio delle risorse input- ouput dell'APEA, finalizzato a garantirne una gestione efficace, l’efficientamento e la valorizzazione all'interno dell'APEA.

Le APEA devono perseguire obiettivi e realizzare programmi per sviluppare ed incrementare:



1. la simbiosi e lo sviluppo industriale e tecnologico sostenibile;

2. l’economia circolare;

3. il riciclo ed il recupero dei rifiuti;

4. la tutela della salute, della sicurezza e dell’ambiente anche dal punto di vista paesaggistico;

5. la salubrità e l’igiene dei luoghi di lavoro;

6. la prevenzione e la riduzione dell'inquinamento dell'aria, dell'acqua e del terreno;

7. il trattamento delle acque reflue;

8. il contenimento del consumo dell'energia e il suo utilizzo efficace;

9. la prevenzione, il controllo e la gestione dei rischi di incidenti rilevanti;

10. l’adeguata e razionale accessibilità delle persone e delle merci;

11. gli elementi cardine del programma di miglioramento ambientale, produttivo e competitivo.