Sei in: Home \ sviluppo economico \ sala stampa \ dettaglio notizia

30 GIUGNO, NUOVO TERMINE PER ACCEDERE ALLA MORATORIA PER I RIMBORSI DEI BANDI CREDITO

Prorogati dalla Giunta Regionale i termini per accedere alla moratoria che concede di sospendere fino a 12 mesi i rimborsi dei prestiti ottenuti dalle imprese grazie a bandi regionali

16/06/2020 - L’esecutivo regionale ha infatti approvato oggi una delibera – proposta dell’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-up e Innovazione, Paolo Orneli, di concerto con il vicepresidente della Regione Lazio, Daniele Leodori, e con l’assessore al Lavoro, Claudio Di Berardino – con la quale la data limite entro la quale i beneficiari dei prestiti agevolati possono accedere alla moratoria, originariamente il 23 maggio 2020, è spostata al 30 giugno.

Il protrarsi dell’emergenza sanitaria_ – ha dichiarato l’assessore Orneli – _ha obbligato molte delle imprese potenzialmente interessate ad accedere alla moratoria a interrompere o a limitare molto la loro attività per un periodo molto lungo. Di conseguenza abbiamo ritenuto che la scadenza del 23 maggio per accedere a questa opportunità andasse procrastinata per consentire di presentare la domanda anche a coloro che, a causa del blocco delle attività e delle difficoltà operative e logistiche connesse, non erano riusciti a farlo.”

Sono numerosi i bandi che la Regione, nell'ambito della programmazione comunitaria 2014-2020, ma anche nel precedente periodo di programmazione, ha attivato per concedere crediti a favore di imprese e liberi professionisti come, a titolo di esempio, il Fondo Rotativo per il Piccolo Credito, Fondo Futuro, i prestiti partecipativi, a sostegno del circolante e lo Smart Energy Fund. Per tutti è stata prevista una “moratoria regionale straordinaria 2020” per gli strumenti di agevolazione creditizia attivati dalla Regione Lazio. Possono accedervi tutti i beneficiari delle varie misure agevolative regionali che non abbiano posizioni debitorie deteriorate, che non siano in procedura fallimentare e a carico dei quali non risultino protesti o non siano gravati da ipoteche legali o giudiziali decreti ingiuntivi, pignoramenti immobiliari ecc.