Sei in: Home \ bilancio e programmazione \ fatturazione elettronica regionale

Fatturazione elettronica regionale

A partire dal 31 marzo 2015 i Fornitori della Regione Lazio titolari di una obbligazione contrattuale per somministrazioni, forniture, appalti, o relativa a prestazioni professionali, potranno farlo per il tramite del sistema di interscambio nazionale dell’Agenzia delle Entrate, direttamente o attraverso un intermediario, in accordo alle specifiche tecniche definite nel DM 55/2013, secondo le seguenti regole:
  1. individuare la struttura organizzativa della Regione Lazio che dovrà procedere alla liquidazione delle fatture ed inserire nella fattura  il Codice Univoco dell’Ufficio destinatario pubblicato sull’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (IPA). Il codice è consultabile qui ed è anche rilevabile dal sito www.indicepa.gov.it.
  2. ai sensi dell’art. 25 del Decreto Legge n. 66/2014, al fine di garantire l’effettiva tracciabilità dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, le fatture elettroniche emesse verso l’Amministrazione regionale devono riportare:
    1. Il codice identificativo di gara (CIG), tranne i casi di esclusione dall’obbligo di tracciabilità di cui alla Legge n. 136 del 13 agosto 2010;
    2. Il codice unico di progetto (CUP), in caso di fatture relative a opere pubbliche.
  3. al fine di consentire il caricamento automatico della fattura nel registro delle fatture del sistema amministrativo contabile dell’amministrazione e, quindi, di abbreviare i tempi di registrazione dello stesso documento contabile, è obbligatorio indicare nel tracciato data e numero del provvedimento amministrativo regionale di incarico che ha fatto scaturire l’obbligazione contrattuale con la Regione Lazio.
Il Codice Ufficio deve essere inserito nell’elemento del tracciato 1.1.4 denominato “Codice Destinatario” mentre le informazioni richieste nei punti B e C devono essere inserite nel blocco informativo di tipo 2.1.4 , denominato “Dati Convenzione”, del tracciato della fattura elettronica la cui rappresentazione tabellare è pubblicata sul sito www.fatturapa.gov.it  ed il cui formato è descritto nell’allegato A al Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 55 del 3 aprile 2013 e nelle “specifiche tecniche operative del formato della fattura del sistema di interscambio”.


Si ribadisce la necessità di compilare tutti i campi indicati ai punti A, B e C, ove previsti. Questa Amministrazione non potrà procedere al pagamento delle fatture elettroniche che non riportano i codici sopra indicati ove previsti.

Nello specifico le sopra descritte informazioni dovranno essere inserite con le seguenti modalità:

Informazione

Blocco informativo del tracciato fattura elettronica

Elemento del tracciato

Codice Univoco Ufficio

1.1.4

[CodiceDestinatario]

Nominativo Regione Lazio

2.1.4.2

[IdDocumento]

Data provvedimento amministrativo di incarico che ha fatto scaturire l’obbligazione contrattuale con la Regione Lazio

2.1.4.3

[Data]

Numero provvedimento amministrativo di incarico che ha fatto scaturire l’obbligazione contrattuale con la Regione Lazio

2.1.4.5

[CodiceCommessaConvenzione]

Codice Unitario Progetto

2.1.4.6

[CodiceCUP]

Codice Identificativo Gara

2.1.4.7

[CodiceCIG]

Sarà inoltre possibile usufruire della funzionalità di inserimento della fattura in formato fatturaPA del Sistema Pagamenti https://www.regione.lazio.it/cpf/, attraverso nuove maschere di inserimento (web form); in tale scenario, la fattura sarà trasmessa al Sistema di Interscambio direttamente da Sistema Pagamenti.
Tuttavia, il Sistema Pagamenti non accetterà, a partire dal 31/03/2015 l’inserimento delle fatture nel formato attuale.