Sei in: Home \ camera regionale di conciliazione \ avviso pubblico per manifestazione di interesse relativa alla partecipazione alla

RECAPITI

Avviso pubblico per manifestazione di interesse relativa alla partecipazione alla sperimentazione delle attività della Camera regionale di conciliazione

Al fine di prevenire situazioni di contenzioso che possano coinvolgere i soggetti erogatori di servizi pubblici e gli utenti, la Regione Lazio, con la legge regionale 7 marzo 2016, n. 1 (Disposizioni per favorire la conciliazione nelle controversie sanitarie e in materia di servizi pubblici), ha istituito la camera regionale di conciliazione con il compito di comporre in via stragiudiziale le controversie relative al mancato rispetto degli standard di qualità previsti nelle carte dei servizi, nonché le controversie tra i cittadini e gli enti del servizio sanitario regionale relative all’erogazione di prestazioni sanitarie, anche riguardanti la responsabilità medico-professionale, escluse quelle di particolare complessità e comunque di valore superiore a cinquantamila euro.

L’articolo 19 del regolamento regionale 4 novembre 2016, n. 21 (Disposizioni relative al procedimento innanzi alla Camera regionale di conciliazione) di attuazione della l.r. 1/2016 prevede, in sede di prima attuazione, lo svolgimento di una fase sperimentale delle attività della Camera regionale di conciliazione. Il citato art. 19 prevede l’adozione di una deliberazione della Giunta regionale per la definizione delle modalità operative e l’individuazione dei soggetti partecipanti alla sperimentazione. A tale ultimo fine, la Regione con il presente avviso intende sollecitare manifestazioni di interesse alla partecipazione alla fase sperimentale.

Possono presentare la propria manifestazione di interesse:
  • le aziende ospedaliere della Regione;
  • le aziende ospedaliero-universitarie della Regione;
  • gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCSS) di diritto pubblico della Regione;
  • altri soggetti che erogano ulteriori servizi pubblici regionali.
Nel caso pervenisse più di una richiesta con riferimento ad un medesimo settore di attività, saranno selezionati non più di tre soggetti per ogni settore e massimo due soggetti della medesima tipologia, e, in subordine, le manifestazioni di interesse saranno selezionate seguendo l’ordine di ricezione.