Sei in: Home \ consigliera di parita' \ sala stampa \ dettaglio notizia

PRESENTATA LA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE PER LA PARITÀ RETRIBUTIVA TRA I SESSI E IL SOSTEGNO DELL'OCCUPAZIONE FEMMINILE

18/09/2019 - Presentata il 17 settembre 2019 in Consiglio regionale la proposta di legge che promuove la parità retributiva tra i sessi, il sostegno dell'occupazione e dell'imprenditoria femminile di qualità e la valorizzazione delle competenze delle donne. A firmarla, la presidente della IX Commissione - Lavoro, formazione, politiche giovanili, pari opportunità, istruzione, diritto allo studio Eleonora Mattia. “Un testo importante, condiviso con l’Ufficio della Consigliera regionale di parità, proprio per il suo potenziale di intervento” – evidenzia Valentina Cardinali, consigliera regionale di parità  titolare -  “in tre direzioni: la rilevazione e il contrasto alle discriminazioni di genere nelle retribuzioni che possono accompagnare le imprese a sviluppare una nuova cultura della produttività del lavoro; un sistema di promozione del lavoro femminile e del sostegno ai carichi di cura, un impegno per garantire regole di equa rappresentanza e non discriminazione”.

“Un testo, inoltre, che rafforza il legame tra istituzione regionale e organismi di parità, in primis la Consigliera regionale di parità – sottolinea Loredana Pesoli Consigliera regionale di parità supplente – per la programmazione e attuazione delle politiche di genere sul territorio regionale”.

Tra le misure contenute nella proposta di legge sistemi di premialità per le aziende virtuose ed esclusione dai benefici per quelle che non rispettano la parità salariale, misure per rispettare l’equa rappresentanza di genere negli organismi di enti e società regionali, misure dirette al rispetto delle quote di genere nella composizione delle Giunte; attenzione alla conciliazione vita lavoro e alla condizione di debolezza con voucher baby sitting, un fondo per il sostegno a donne vittime di violenza, donne con disabilità e donne sole con figli a carico.  

La PL prevede anche l'istituzione della Giornata regionale contro le discriminazioni di genere sul lavoro, che segue la fortunata prima edizione del 7 giugno scorso, con il coordinamento dell’Ufficio della consigliera di parità.