Sei in: Home \ feg \ il feg e la crisi

Il FEG e la crisi

Alla luce delle dimensioni della crisi economica e finanziaria e della rapidità con cui si è accentuata nel 2008, la Commissione, nel suo Piano europeo di ripresa economica, ha  revisionato il regolamento (CE) n. 1927/2006.
Revisione avvenuta  con il regolamento (CE) n. 546/2009, ed era  intesa ad ampliare il campo di applicazione del FEG nel quadro della risposta dell'Europa alla crisi al fine di  trasformare il Fondo in uno strumento di intervento rapido e più efficace, in linea con i principi fondamentali di solidarietà e di giustizia sociale.

Quali attività sono finanziabili:

  • l'assistenza nella ricerca di un impiego;
  • l'orientamento professionale;
  • la formazione e riqualificazione su misura;
  • l’assistenza alla ricollocazione professionale;
  • la promozione dell’imprenditorialità e l’assistenza al lavoro autonomo;
    misure speciali di durata limitata, come l’indennità per la ricerca di un lavoro, le indennità di mobilità o le indennità di integrazione salariale di sostegno per chi partecipa ad attività di formazione e di apprendimento permanente.


La Regione Lazio ha presentato alla Commissione Europea, su proposta del Ministero del Lavoro, due distinte richieste di contributo, per lo sviluppo di azioni di reimpiego a favore di lavoratori in esubero da aziende con stabilimenti nel Lazio che rispondevano ai criteri di intervento previsti sul FEG:

  • FEG Agile, presentato in partenariato con altre Regioni italiane, interessa una sola azienda, ossia Agile srl ex Eutelia, che ha diversi stabilimenti sul territorio italiano. (domanda di aiuto  FEG/2011/016/IT  Agile)
  • FEG Videocon, presentato nell'ambito di un quadro più vasto di interventi destinati a ricostruire il tessuto industriale dell'area di Frosinone- Anagni, in favore dei lavoratori, circa 1.200, che hanno perso il lavoro a causa della crisi del gruppo VDC Technologies SpA e Cervino Technologies Srl. (domanda di aiuto EGF/2012/007 IT VDC)
  • FEG Alitalia, presentato dal  Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS) il 24 marzo 2015 alla Commissione Europea (CE) su proposta della Regione Lazio a favore del “Gruppo Alitalia”, per la  ricollocazione del personale impiegato nel Lazio e collocato in mobilità dalle società del Gruppo Alitalia  con sede di lavoro nella  Regione Lazio.
    Con decisione  C(2015) 5514 del  3 novembre 2015 la Commissione Europea ha concesso, ai sensi dell’art. 8 del Regolamento (UE) N. 1309/2013  il contributo finanziario richiesto dallo Stato Membro Italia per la domanda di aiuto “EGF/2015/004 IT/Alitalia”.
    Tutti le azioni della domanda di contributo a valere sul FEG sono articolate in differenti possibili modalità e finalizzate al reinserimento nel mercato del lavoro degli ex lavoratori del gruppo ALITALIA.