Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

LA REGIONE VIGILERA' SULLE CONSEGUENZE PER I LAVORATORI DI TELECOM E ALITALIA


I numeri freddi dei cambi azionari non possono mettere in secondo piano le sorti di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie

24/09/2013 - Non dimenticare che dietro ai numeri freddi degli scambi azionari e dietro ad integrazioni societarie ci sono persone in carne ed ossa, lavoratori e competenze che hanno contribuito alla crescita economica del Paese. 

E’ il messaggio lanciato dal presidente Nicola Zingaretti

Questo vale a maggior ragione per aziende strategiche nel settore delle telecomunicazioni e del trasporto aereo, come Telecom e Alitalia, e per i relativi assetti societari che potrebbero avere conseguenze preoccupanti dal punto di vista dell’occupazione, soprattutto a Roma dove risiedono migliaia di addetti delle due aziende e dell’indotto. 

“Ecco perché mi attiverò, nei limiti delle competenze regionali, per monitorare e vigilare i processi di ristrutturazione in atto in Telecom e Alitalia al fine di scongiurare il peggio per migliaia di famiglie che non possono essere messe in secondo piano rispetto alle logiche finanziarie ed azionarie di grandi gruppi industriali, in assenza di politiche pubbliche che dovrebbero governare questi processi. Ritengo – ha spiegato Zingaretti - che agli utenti e ai lavoratori di Telecom e Alitalia si debbano offrire garanzie concrete che non possono trovare risposta solamente nella difesa dell’italianità delle aziende”.