Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

FORLANINI: AL VIA SITO PER CONSULTAZIONE ONLINE CON I CITTADINI SUL FUTURO DELL’AREA

L’obiettivo della consultazione pubblica della Regione Lazio è quello di conoscere le idee e le priorità dei cittadini per orientare al meglio la riqualificazione e il rilancio dell’ex complesso ospedaliero. È possibile partecipare e votare il sondaggio sulle possibili alternative di valorizzazione.

12/06/2017 - Ex complesso ospedaliero “Carlo Forlanini”, la Regione Lazio ha lanciato una consultazione pubblica per conoscere le idee e le  priorità dei cittadini per orientarne al meglio la riqualificazione e il rilancio.

È possibile partecipare e votare il sondaggio sulle possibili alternative di valorizzazione di parte di quest’area che si estende tra l’XI e il XII Municipio. Gli ambiti su cui è possibile esprimersi sono quelli previsti dal Piano Regolatore del Comune di Roma per quanto riguarda i servizi pubblici di livello urbano. In particolare, si tratta di servizi:
  • sociosanitari
  • culturali
  • di ordine pubblico e sicurezza
  • per sedi amministrative pubbliche e sedi universitarie.
Vai qui per partecipare e accedere al sito dedicato

“Il progetto di valorizzazione del Forlanini è arrivato a un punto di svolta: i cittadini sono chiamati a dare il loro contributo attraverso una consultazione on line da oggi attiva per scrivere insieme il futuro dell’area che resterà pubblica”- così il presidente, Nicola Zingaretti.

“La Regione Lazio ha aderito al progetto dell’Agenzia del Demanio e del Ministero dell’Economia e delle Finanze “Proposta immobili” che coinvolge le pubbliche amministrazioni in operazioni di valorizzazione, riuso o dismissione del proprio patrimonio immobiliare mantenendo la finalità pubblica di utilizzo- parole di Alessandra Sartore, Assessore al Bilancio, Demanio e Patrimonio, che ha aggiunto: attraverso questo progetto, - ha sottolineato l'Assessore - sono ipotizzabili 250 milioni di euro per il recupero dell’ex complesso Carlo Forlanini nel rispetto del vincolo storico-artistico al fine di far rinascere l’area offrendo servizi di pubblica utilità”- ha detto ancora Sartore