Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

GRANDE SUCCESSO PER LA GIORNATA DI APERTURA DELLE DIMORE STORICHE

dimore storiche

10mila visitatori nei 72 siti aperti sul territorio del Lazio, i siti che hanno aderito hanno registrato il tutto esaurito. Presto nuove aperture straordinarie e l’ampliamento della rete

22/10/2018 - Grande successo per la prima giornata di apertura della "Rete delle dimore storiche del Lazio". I 72 siti aperti sul territorio hanno registrato il tutto esaurito per un totale di 10 mila visitatori.

Presto nuove aperture straordinarie e l’ampliamento della rete. Già nei prossimi la Rete delle Dimore Storiche sarà ampliata grazie ad un avviso pubblico che, dal 1° novembre al 30 dicembre, aprirà straordinariamente i termini per far aderire nuove dimore.

“La partecipazione e l'entusiasmo del pubblico alla giornata odierna ci confermano che sostenere la bellezza e valorizzare il patrimonio culturale della nostra regione sono gli strumenti giusti per dare impulso allo sviluppo del nostro territorio – così il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: ma l'istituzione della Rete delle Dimore Storiche e la sperimentazione di questa giornata di apertura sono solo l'inizio del percorso che porteremo avanti. Vogliamo organizzare nuove occasioni di visita e scoperta e ripetere ogni anno questa apertura straordinaria per dare la possibilità a sempre più persone di ammirare la grande bellezza di questi luoghi”. 

“Il grande successo della prima giornata di apertura delle dimore storiche del Lazio - ha dichiarato l'assessore al Turismo e alle Pari Opportunità della Regione Lazio, Lorenza Bonaccorsi, - dimostra che abbiamo saputo cogliere il grande bisogno del pubblico di scoprire e di godere delle tante bellezze di storia e cultura della nostra regione – parole di    Lorenza Bonaccorsi, assessore al Turismo e Pari Opportunità, che ha aggiunto:  siamo al lavoro per continuare a valorizzare tutti questi tesori, ancora troppo poco conosciuti, perché anche da queste iniziative riparta una nuova idea di sviluppo, sostenibile e rispettoso delle meraviglie dei territori, dei paesaggi e delle tradizioni che la nostra regione ancora conserva intatti”.