Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

CULTURA: AL CASTELLO DI SANTA SEVERA TRE MESI DI EVENTI PER L’ESTATE

Foto_santa_severa_notturno

Oltre ad accogliere i turisti nella struttura ricettiva inaugurata lo scorso anno, che ha avuto più di 5.000 ospiti, ed essere stato meta di 210.000 visitatori negli ultimi 12 mesi, quadruplicando le presenze dell’anno precedente, il Castello di Santa Severa conferma la sua vocazione di contenitore di grandi eventi, proponendo tre mesi di spettacoli all’aperto fino a settembre

15/07/2019 - Il più bel castello sul Mar Mediterraneo è tornato alla vita. Oltre ad accogliere i turisti nella struttura ricettiva inaugurata lo scorso anno, che ha avuto più di 5.000 ospiti, ed essere stato meta di 210.000 visitatori negli ultimi 12 mesi, quadruplicando le presenze dell’anno precedente, il Castello di Santa Severa conferma la sua vocazione di contenitore di grandi eventi, proponendo tre mesi di spettacoli all’aperto.

Il ricco programma di appuntamenti, organizzati dalla Regione Lazio, realizzati da  LAZIOcrea, in collaborazione con MiBAC, Comune di Santa Marinella e Coopculture parte con Fermento, festival delle birre artigianali del Lazio, in programma dal 25 al 28 luglio, che apre la stagione con i concerti di Morgan e Mattia Bazar, lo spettacolo del Circo Bianco e quello del comico Alessandro di Carlo. Si prosegue, sempre a luglio, con il ventennale della kermesse più cool d’Italia, Surf Expò, manifestazione internazionale dedicata al surf, che dal 18 al 21 luglio viene ospitata, come ogni anno, dalla spiaggia antistante il castello.  Dal 22 al 25 luglio è in programma un Summer lab sui diritti, con storie, testimonianze e attività interattive: tutto quello che i media non dicono su questioni di genere, migrazioni e ambiente.

Sono solo alcuni degli appuntamenti, che andranno avanti fino al mese di settembre. Per ulteriori informazioni www.castellodisantasevera.it.

“Anche quest’anno il Castello di S. Severa conferma la sua ormai consolidata vocazione di contenitore di grandi eventi. È questo che intendiamo quando parliamo di valorizzazione del patrimonio e dei beni culturali di cui il Lazio è ricco: il nostro progetto non punta soltanto a riqualificare immobili di pregio a lungo abbandonati –così il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: l’obiettivo è renderli dei catalizzatori di cultura a disposizione del territorio. Con il Castello di S. Severa, ma anche con altre strutture riaperte al pubblico dopo anni di oblio, questo è accaduto, grazie anche all’impegno di tutti coloro che hanno lavorato affinché ciò avvenisse. Si tratta di un successo oggettivo, e non è un caso se la riqualificazione degli immobili della Regione Lazio, pure in virtù del programma ArtBonus, è diventata un caso di studio a livello nazionale”.