Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

ROCCA DI PAPA: STANZIATO 1 MILIONE DI EURO, VICINI A COMUNITÀ

Foto_esplosione

Stanziato 1 milione di euro a favore della comunità e del Comune di Rocca di Papa in seguito alla tragedia del 10 giugno in cui ha perso la vita anche il sindaco 

08/08/2019 - E’ stato approvato lo stanziamento di fondi per un totale di 1 milione di euro a favore del Comune e della comunità di Rocca di Papa, a seguito della tragedia che ha colpito la città il 10 giugno 2019. Di questa cifra complessiva, 189mila euro sono a favore del Comune di Rocca di Papa. Il finanziamento è destinato in gran parte ad interventi sulle abitazioni che hanno subito danni nell’esplosione del Comune, in cui hanno perso la vita il sindaco Emanuele Crestini e il delegato Vincenzo Eleuteri, mentre 4mila euro sono stati stanziati per l’assistenza abitativa delle famiglie sfollate.

Il primo intervento porta la data del 25 giugno, pochi giorni dopo il tragico avvenimento, per un totale di 300mila euro, di cui 250mila destinati al ripristino della sede del Comune di Rocca di Papa e 50mila per le attività economica e commerciali della zona colpita. Il 23 luglio è stato approvato un altro finanziamento di 350mila euro destinato alla scuola “Centro Urbano” e alle aree adiacenti, così da poter assicurare agli studenti l’apertura regolare dell’anno scolastico nell’istituto della città. Il 2 agosto sono stati approvati altri 100mila euro di cui 80mila per i danni subiti dalle abitazioni danneggiate dall’esplosione e 20mila per l’assistenza abitativa dei cittadini sfollati.

Infine, Astral (Azienda Strade Lazio Spa) ha previsto interventi di circa 60mila euro per un parcheggio della città (piazza Claudio Villa) e per il ripristino di Corso Costituente, anche questo danneggiato dall’esplosione.

“Con questo finanziamento la Regione Lazio ha destinato in totale a Rocca di Papa 1 milione di euro mantenendo l’impegno assunto subito dopo la tragedia che ha provocato una ferita profonda nella città e colpito l’Italia. Una ferita che tutti insieme dobbiamo ricucire”. Questa la dichiarazione del vice presidente Daniele Leodori