Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

PSR: BANDITI OLTRE 52 MILIONI EURO PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI DEL LAZIO

bandi_agricoltura

Tre nuovi bandi del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio: prevedono uno stanziamento complessivo di risorse pari a 52milioni 450mila euro. Il primo riguarda l’informazione e la promozione dei prodotti agricoli di qualità; il secondo gli investimenti materiali e/o immateriali per la trasformazione, la trasformazione e commercializzazione e/o lo sviluppo dei prodotti agricoli; il terzo è rivolto alle imprese agricole che realizzano investimenti materiali e/o immateriali per l’ammodernamento delle strutture e per l’introduzione di tecnologie innovative

09/12/2019 - In particolare:

La misura 3.2.1 è dedicata al Sostegno per attività di informazione e promozione, svolte da associazioni di produttori nel mercato interno”  per l’informazione e la promozione dei prodotti agricoli di qualità, al fine di sensibilizzare il consumatore sui caratteri distintivi delle produzioni certificate. Lo stanziamento finanziario previsto è di 2.400.000 euro e i beneficiari del sostegno sono associazioni di agricoltori, nelle forme esplicitate dal bando pubblico, che aderiscono ad almeno un regime di qualità ai sensi del Reg. UE 1305/2013.

La misura  4.2.1 è dedicata agli “Investimenti nelle imprese agroalimentari” che realizzano investimenti materiali e/o immateriali per la trasformazione, la trasformazione e commercializzazione e/o lo sviluppo dei prodotti agricoli, a eccezione dei prodotti della pesca. Gli investimenti devono essere finalizzati a favorire l'integrazione di filiera, il miglioramento delle tecnologie in funzione di una competitività rivolta al mercato globale, l'innovazione, la qualificazione delle produzioni, le prestazioni economiche e ambientali, l’aumento del valore aggiunto, la creazione di strutture per la trasformazione e commercializzazione su piccola scala nel contesto di filiere corte e di mercati locali. Lo stanziamento finanziario previsto è di 20.000.000 euro.

La misura 4.1.1 dedicata a “Investimenti nelle singole aziende agricole finalizzati al miglioramento delle prestazioni” per le imprese agricole che realizzano investimenti materiali e/o immateriali per l’ammodernamento delle strutture e per l’introduzione di tecnologie innovative che dovranno comportare un miglioramento del rendimento globale dell’azienda agricola. Lo stanziamento finanziario previsto è di 30.000.000 euro e i beneficiari del sostegno sono imprese laziali del settore della produzione primaria che realizzano investimenti materiali e/o immateriali per l’ammodernamento delle strutture e per l’introduzione di tecnologie innovative.

Tutti i dettagli e le relative procedure di presentazione delle domande sono sul sito lazioeuropa.it.

“Abbiamo apportato modifiche sostanziali nella nuova banditura. In particolare, nei bandi per le misure 4.1.1  e 4.2.1, anche a seguito della esperienza acquisita nella prima raccolta di domande, sono stati apportati correttivi che ne dovrebbero garantire una più efficace attuazione:  una più chiara e puntuale definizione dei requisiti e delle condizioni di ammissibilità per l’accesso alle varie forme di aiuto,  anche a seguito della introduzione di alcune semplificazioni procedurali; una rimodulazione dei massimali di investimento; una rivisitazione del modello organizzativo e degli schemi procedurali sulla base del quale effettuare le valutazioni di ammissibilità, tale da comportare una significativa contrazione dei  tempi necessari per la chiusura delle istruttorie e la concessione dei contributi; una importante revisione dei criteri di selezione, con una significativa riduzione della soglia di ingresso (punteggio minimo) ma, nel contempo, con l’introduzione di  nuovi e più efficaci criteri sulla base dei quali selezionare  le domande di  migliore “qualità progettuale”, di intercettare le priorità e gli obiettivi strategici della programmazione dello sviluppo rurale, su tutti l’innovazione e l’ambiente, ma anche con una particolare attenzione alle specificità di alcuni comparti produttivi e di taluni territori, senza trascurare le priorità stabilite per i giovani agricoltori e per le aziende con produzioni di “qualità riconosciuta” e che introducono in azienda sistemi per la sicurezza del lavoro” – così Enrica Onorati,  assessore agricoltura, promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali.