Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

UN BRANO CONTRO LE MAFIE: UN CONCORSO PER LE SCUOLE E I GRUPPI MUSICALI STUDENTESCHI


L’obiettivo del progetto è sostenere l’energia positiva degli studenti per lanciare una vera e propria rivoluzione della legalità con brani inediti contro le mafie realizzati dai ragazzi e dai gruppi studenteschi del Lazio per lanciare un messaggio positivo

30/03/2016 - Un concorso rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e ai tanti gruppi musicali studenteschi della Regione e promosso dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio, Progetto ABC Arte Bellezza Cultura e Lazio Innova. L’obiettivo del progetto è proprio quello di sostenere l’energia positiva degli studenti per lanciare una vera e propria rivoluzione della legalità con brani inediti, realizzati dai ragazzi, contro le mafie e per lanciare un messaggio positivo.

È possibile partecipare al concorso inviando un brano inedito in formato Mp3. Il brano, di qualsiasi genere musicale, non deve superare i 3,5 minuti e deve essere accompagnato da una scheda con il nome del gruppo/artista e una breve descrizione del gruppo indicando scuola o scuole di iscrizione dei componenti e un recapito di un componente del gruppo musicale. Per quanto riguarda la partecipazione degli istituti scolastici l’invio del brano deve essere inviato a firma del dirigente scolastico.

Scadenza prorogata al 16 aprile. Vista la richiesta proveniente da molte scuole di avere una proroga rispetto alla data prevista per il 31 marzo per  partecipare al concorso  “Un Brano contro le mafie” l’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio ha deciso di posticipare  la data entro cui inviare la composizione del brano al 16 aprile 2016. Chi intende partecipare deve inviare entro il 16 aprile un brano inedito in formato Mp3 alla mail: unbranocontrolemafie@regione.lazio.it.

Una commissione di esperti selezionerà 10 brani che verranno eseguiti dai rispettivi gruppi musicali in un concerto che si svolgerà a Roma il 23 maggio, anniversario della strage di Capaci in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Vito Schifani, Rocco Dicillo  e Antonio Montinaro. Tra i dieci esperti anche Luca Barbarossa, il Piotta, Carmen Consoli, Stefano Di Battista, Luciano Linzi, Flavio Severini e Raffaele Costantino. Dalla  registrazione live del concerto verrà prodotto un cd che verrà distribuito in tutte le scuole  del Lazio. Alla fine del concerto, tra i dieci partecipanti, verranno  selezionati due gruppi  musicali, uno proveniente dalle scuole superiori e l’altro dagli Istituti Comprensivi che riceveranno un premio di tremila euro ciascuno  in buoni per l’acquisto di strumenti musicali.

"L’obiettivo del progetto è quello di sostenere l’energia positiva degli studenti per lanciare una vera e propria rivoluzione della legalità con brani inediti contro le mafie realizzati dalle scuole e dai gruppi studenteschi del Lazio" - lo ha detto Gianpiero Cioffredi, presidente dell'Osservatorio Sicurezza e Legalità della Regione Lazio.