Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

PORTA FUTURO ANCHE A VITERBO: LA REGIONE VICINA AI GIOVANI CHE CERCANO UN LAVORO

porta_futuro_vt

La Regione è al lavoro pancia a terra per sostenere la nuova generazione non con pacche sulle spalle ma con servizi nuovi, come Porta Futuro Rete Università, che oggi apre a Viterbo.

08/03/2016 - Oggi dopo Roma e Latina apre anche a Viterbo Porta Futuro University: il nuovo importante strumento dedicato alla transizione scuola-lavoro arriva anche in questo ateneo d’eccellenza che può vantare i risultati migliori nel Lazio per numero di iscritti e per qualità dell’offerta formativa.

Cos’è Porta Futuro università? Un luogo nel quale si trovano informazioni, opportunità per avere un indirizzo universitario, scegliere la propria scuola o conoscere le opportunità di lavoro sul proprio territorio, essere informati sui bandi europei ma soprattutto è un luogo nel quale inserendo i propri dati e le proprie esigenze si entra in contatto col mondo delle imprese.Un progetto importante per accompagnare i ragazzi verso il mondo del lavoro. La Regione qui ha deciso di investire 300 mila euro per realizzare un importante progetto che offre orientamento, tutoraggio, formazione e tutti quei servizi utili ad accompagnare un ragazzo o una startup verso il mondo del lavoro.

Una scommessa sulle nuove generazioni. Il network Porta Futuro University è parte di una più ampia strategia per favorire l’occupabilità e contribuire ad abbattere i tempi d’ingresso dei ragazzi nel mercato del lavoro e proprio per questo la Regione ha deciso di aprire una sede di Porta Futuro University per ogni provincia. Le prossime aperture sono previste a Tor Vergata, Roma Tre, Cassino e Rieti.

"È una cosa che prima non esisteva e adesso c'è – lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: può sembrare un paradosso ma in un paese nel quale i tassi di disoccupazione sono quelli che sono, questo tipo di servizio e di cura nell'accompagnamento al lavoro e alla formazione non esisteva: nel Lazio comincia ad esistere, sta entrando in tutti gli atenei della nostra regione e credo che sia il modo più serio di inventare nuovi servizi moderni dello Stato"

“Il servizio di oggi è avanzato dal punto di vista delle opportunità perché mette in rete una banca dati a disposizione dei ragazzi che studiano qui, ma che riguarda tutte le opportunità del territorio regionale e
europeo – è il commento del vicepresidente e assessore alla Formazione, Massimiliano Smeriglio, che ha aggiunto: da qui a un paio di mesi lanceremo un nuovo progetto sulla formazione dei ragazzi laureati e laureandi, un patto con la nuova generazione: una ulteriore serie di opportunità che la Regione Lazio lancia per le generazioni più giovani”.