Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

SANITÀ, OSPEDALE ISRAELITICO: LA REGIONE RIPRISTINA ACCREDITAMENTO

I provvedimenti riguardano la sede di via Fulda e l’ambulatorio in via Veronese a Roma. Con il ripristino dell’accreditamento, nell’ospedale potrà riprendere l’attività medico-chirurgica. A supporto dell’attività clinica, l’ospedale è dotato di un laboratorio di analisi, un servizio di radiologia e di un poliambulatorio

11/03/2016 - Il presidente, Nicola Zingaretti, ha firmato ieri due decreti per il rilascio dell’accreditamento all’Ospedale Israelitico. Nello specifico i provvedimenti riguardano la sede di via Fulda e l’ambulatorio in via Veronese a Roma. Dopo la vicenda giudiziaria che a ottobre dello scorso anno ha colpito i vertici della struttura ospedaliera, la Regione Lazio era stata costretta a sospendere l’autorizzazione sanitaria e successivamente alla revoca dell’accreditamento.

Da gennaio l’ospedale è stato affidato dal prefetto di Roma, Franco Gabrielli, al dott. Narciso Mostarda quale amministratore per la gestione straordinaria e temporanea  della struttura con l’obiettivo di ripristinare l’attività pubblica  e tutelare i lavoratori attraverso un sistema basato sulla legalità.

Con il ripristino dell’accreditamento, nell’ospedale potrà riprendere l’attività medico-chirurgica. La capacità ricettiva della struttura è stata ridotta da 126 posti letto a 114 suddivisi in degenza ordinaria e day hospital. A supporto dell’attività clinica, l’ospedale è dotato di un laboratorio di analisi, un servizio di radiologia e di un poliambulatorio.