Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

UN NUOVO VOLTO PER L’EX GIL DI OSTIA: LA VITTORIA DELLO STATO E DEI CITTADINI


All’ex Gil di Ostia nascerà un presidio fondamentale per rendere più forte questo territorio e per far rispettare i valori della legalità. Nello specifico la struttura ospiterò gli Uffici della Polizia Locale del X Gruppo Mare, i nuovi Uffici del Giudice di Pace e il Centro di Controllo Sicurezza Urbana – Smart City. Un’ottima notizia per il territorio

11/09/2017 - Un nuovo volto per l’ex Gil di Ostia. Oggi la firma del Protocollo d’intesa che prevede la valorizzazione e la ristrutturazione dell’ex Gil di Ostia. Nello specifico saranno ospitati all’interno del complesso ex Gil: gli Uffici della Polizia Locale del X Gruppo Mare, i nuovi Uffici del Giudice di Pace e il Centro di Controllo Sicurezza Urbana – Smart City.

Il progetto sarà realizzato grazie a un finanziamento di 13 milioni di euro. Questo è stato possibile grazie alla disponibilità della Regione Lazio di concedere a canone ricognitorio al comune di Roma l’immobile. Il protocollo sigla la collaborazione tra Ministero della Giustizia, Regione Lazio e Comune di Roma, x Municipio per avviare la ristrutturazione dell’immobile.

La Regione protagonista della rinascita di Ostia. la Regione Lazio in questo percorso ha avuto un ruolo di primo piano.                                                      

Ecco le 8 azioni principali:
  1. La collaborazione per il recupero dell’ex Gil. La Regione si è resa disponibile da subito a concedere al comune di Roma questo immobile a canone ricognitorio. Qui, come già detto, nascerà un presidio fondamentale per rendere più forte questo territorio e per far rispettare i valori della legalità.
  2. Il successo della manifestazione sportiva al porto di Ostia: restituito alla comunità il porto turistico di Ostia sequestrato alla criminalità. Con il supporto della Regione è nato un luogo dove qualsiasi cittadino può venire e provare una disciplina sportiva a costo zero. La prima edizione dell’estate sportiva al porto turistico di Ostia ha riscosso un grande successo.
  3. La palestra gestita dall’Ipab “Asilo Savoia”: un altro spazio sequestrato alla criminalità che viene restituito ai cittadini è la palestra gestita dall’Ipab “Asilo Savoia”. Sono stati già stati espletati tutti gli atti per reperire lo staff sportivo e per avviare le attività.
  4. I 10 mln di investimenti programma di recupero urbano sull’area Acilia-Dragona.
    Grazie all’interlocuzione con il commissario Vulpiani è stato sbloccato, rimodulato e fatto ripartire il programma di recupero urbano sull’area Acilia-Dragona. Un intervento da oltre 10 milioni di euro.
  5. La pista ciclabile sul lungomare Toscanelli. La Regione ha finanziato la pista ciclabile sul lungomare Toscanelli con un investimento di 1,4 milioni di euro.
  6. La nuova offerta di salute al Grassi di Ostia:  investiti 2,1 milioni sull’area dell’emergenza. Inoltre la Regione ha destinato al Grassi di Ostia 11,7 milioni dei fondi ex articolo 20 per il potenziamento del servizio psichiatrico e della terapia intensiva; per l’ammodernamento tecnologico e per la rete perinatale.
A Ostia, tra l’altro, è operativa da circa due anni una Casa della Salute che ha consentito di alleggerire la pressione sul pronto soccorso. Al suo interno è operativo anche un ambulatorio di cure primarie aperto nei week e nei festivi che ad oggi ha accolto circa 14 mila persone con una conseguente diminuzione di accessi al pronto soccorso del grassi. 

     7.   La mobilità: 180mln sulla Roma-Lido: nel patto firmato a maggio con il Governo è previsto 
           l’ammodernamento della Roma-Lido con un investimento di 180 milioni di euro. Un’opera strategica
           fondamentale per i cittadini di questo quadrante.

      8.    Anche grazie alla Regione, Ostia ha potuto predisporre il nuovo Pua comunale per il litorale:
             
finalmente dopo anni di attesa e di opacità, tutti i 24 comuni del litorale laziale avranno il loro Pua.

“Il titolo di oggi potrebbe essere: “È difficile ma si può fare'. Partendo da una esigenza del territorio si è fatto un lavoro di coordinamento straordinario di cucitura e collaborazione tra i diversi livelli della pubblica amministrazione e dello Stato. Questo recupero è un fatto storico non solo per le funzioni che ospiterà ma anche perché diventa un esempio di una ferita ricucita –parole del presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: tanti cittadini denunciavano la vergogna di un luogo così bello ma abbandonato, e dimostrare che può tornare ai cittadini è un bellissimo segnale”.