Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

SANITÀ: SETTEMBRE DA RECORD PER DONAZIONE E TRAPIANTO ORGANI

Nel fine settimana dal 22 al 24 settembre, nel Lazio sono stati prelevati da sei donatori del Lazio 22 organi che sono stati trapiantati a pazienti in lista nei centri di trapianto della regione ed a pazienti di altre regioni che erano in urgenza nazionale. Un trend positivo che conferma la grande efficienza del sistema regionale per dare a centinaia di pazienti in lista di attesa un trapianto d’organo e la speranza di continuare a vivere

03/10/2017 - Trapianto di organi, in 48 ore, nel fine settimana dal 22 al 24 settembre, nel Lazio sono stati  prelevati da sei donatori del Lazio 22 organi che sono stati trapiantati a pazienti  in lista nei centri di trapianto della regione ed a pazienti di altre regioni che erano in urgenza nazionale. Settembre, per altro, è stato il mese con più donazioni d’organo di tutto il 2017.

Un trend positivo che conferma la grande efficienza del sistema regionale per dare a centinaia di pazienti in lista di attesa un trapianto d’organo e la speranza di continuare a vivere. In questo mese nel Lazio si sono registrati 28 accertamenti di morte cerebrale che hanno portato a 19 donazioni, di cui 13 multiorgano. Grazie a questi donatori sono stati eseguiti:

    •  26 trapianti di rene,
    •  11 di fegato intero,
    •  4 di fegato con tecnica split liver,
    •  1 trapianto combinato fegato-pancreas,
    •  5 trapianti di cuore
    •  4 di polmone doppio.

Senza contare che grazie alla rete trapiantologica del Centro Nazionale Trapianti sono stati trapiantati nel Lazio altri 8 organi provenienti da tutta Italia (1 di rene, 3 di cuore, 3 di fegato intero e 1 split).

“Grazie ai Coordinamenti Aziendali per la Donazione e alle équipes di trapianto abbiamo raggiunto risultati straordinari” ha affermato Maurizio Valeri, responsabile del Centro Regionale Trapianti Lazio. “Il nostro Centro ed il Laboratorio di Tipizzazione Tissutale HLA, hanno lavorato instancabilmente assieme ai Coordinamenti Aziendali e ai Centri di Trapianto per consentire una attività così importante e significativa”.