Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

LA REGIONE PRESENTE ALL’ ASSEMBLEA GENERALE DELLA CRPM

intermediterranea

La Regione ha partecipato ai lavori della 47° Assemblea Generale della Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime D’Europa (CRPM) che si è tenuta a Palermo. La Commissione rappresenta gli interessi delle 44 regioni mediterranee aderenti all’interno delle principali negoziazioni europee, promuove progetti di cooperazione tra le regioni su problematiche comuni per favorire lo sviluppo regionale e la coesione territoriale in Europa

13/11/2019 - La Regione Lazio ha partecipato ai lavori della 47° Assemblea Generale della Conferenza delle Regioni Periferiche Marittime D’Europa (CRPM) che si è tenuta a Palermo. La Commissione rappresenta gli interessi delle 44 regioni mediterranee aderenti all’interno delle principali negoziazioni europee, promuove progetti di cooperazione tra le regioni su problematiche comuni per favorire lo sviluppo regionale e la coesione territoriale in Europa.

Il programma, particolarmente ricco, è stato preceduto da una serie di riunioni di approfondimento legate ai temi sull'economia circolare, il turismo sostenibile, la gestione dei rifiuti e la transizione energetica. Nel corso dei tre giorni si sono riunite anche le sei sottocommissioni geografiche, compresa quella Inter- Mediterranea, in cui era presente Lorenzo Sciarretta - Delegato del Presidente alle Politiche Giovanili, che hanno fatto il punto sullo stato di attuazione dei rispettivi Piani d’Azione.  Anche la parte tecnica composta dai Gruppi di lavoro e dalle Task Force tematiche hanno avuto spazi per incontrarsi e aggiornare le proprie attività in tema di migrazioni, accessibilità e trasporti, clima ed energia, attività marittime e pesca.

Una parte molto seguita ha riguardato le sessioni dedicate al budget dei fondi strutturali 2021- 2027, e al futuro della politica di coesione entrambe esposte dai rappresentanti del Parlamento e della Commissione europei.

L'Assemblea Generale si è conclusa con l'approvazione di un manifesto, votato all’unanimità dai Presidenti delle Regioni, che contiene posizioni anche in materia di Cooperazione Territoriale Europea, strumento indispensabile della politica di coesione e dell’agire delle regioni, europee e non, nella programmazione del co-sviluppo dei bacini marittimi.