Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

LA REGIONE LAZIO E ANEC PRESENTANO “BUONA LA PRIMA!”

Foto_buona_la_prima_anec

Tra novembre 2019 e dicembre 2020 in programma 133 appuntamenti gratuiti dedicati agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di cui 15 riservati ai titolari di Lazio Youth Card: una ricca proposta di proiezioni e non solo, anche approfondimenti, dibattiti e incontri con i protagonisti nel settore, tra cui registi, attori, critici ed esperti del mondo del cinema

14/11/2019 - La Regione Lazio e ANEC portano gli studenti al cinema con Buona la prima! Tra novembre 2019 e dicembre 2020 in programma 133 appuntamenti gratuiti dedicati agli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di cui 15 riservati ai titolari di Lazio Youth Card: una ricca proposta di proiezioni e non solo, anche approfondimenti, dibattiti e incontri con i protagonisti nel settore, tra cui registi, attori, critici ed esperti del mondo del cinema.

Un’iniziativa ambiziosa, una grande agorà culturale dove i cinema si trasformeranno in veri e propri luoghi di formazione e attraverso cui il giovane pubblico potrà sperimentare la magia della settima arte. Il progetto, finanziato dalla Regione Lazio e realizzato da ANEC Lazio in collaborazione con ANICA, Agiscuola, NUOVOIMAIE, SNCCI, ANAC e ALI, nasce con l’obiettivo di stimolare e formare le giovani generazioni alla corretta decodificazione del linguaggio audiovisivo proponendo una serie di opere filmiche di grande qualità artistica e interesse culturale.

La programmazione si articola in 9 aree tematiche: Cinema ed emozioni; Cinema e Globalizzazione; Cinema e Lingue Straniere; Cinema e Disabilità; Cinema, Legalità e Diritti; Cinema e Letteratura; Cinema e Arte; Cinema e Musica; Cinema e Memoria.

Previsto, inoltre, un ciclo di eventi speciali in streaming: incontri e proiezioni che verranno trasmesse in live streaming per consentire agli studenti di ogni parte del Lazio di prendere parte al progetto e assistere agli appuntamenti con alcuni prestigiosi protagonisti del mondo del cinema.

Un’occasione unica di confronto e crescita culturale, un intero anno dedicato al cinema di qualità e d’essai che prevede il coinvolgimento di oltre 30.000 spettatori tra studenti, giovani dai 14 ai 29 anni possessori di Lazio Youth Card, ma anche docenti e semplici spettatori. Un progetto ambizioso volto a offrire una nuova e stimolante chiave di lettura delle opere filmiche che, con il loro fondamentale slancio creativo, sono in grado di sollecitare nuove interpretazioni su tutto ciò che ci circonda. L’obiettivo è quello di riportare il giovane pubblico nelle sale cinematografiche e far rivivere loro, attraverso la scuola, luoghi fondamentali dal punto di vista culturale ma anche di socialità e condivisione.           

Per ulteriori informazioni sulle modalità di adesione al progetto, visitare il sito www.aneclazio.com In alternativa, è possibile scrivere all’indirizzo email anec@agisanec.lazio.it.

Per i ragazzi è a disposizione anche il sito dedicato alla LazioYouthCard, con tutte le info per scaricare l’app.

“Crediamo che il cinema di qualità sia uno strumento di studio e conoscenza complementare a quelli tradizionali e che, all’interno del sistema educativo, possa giocare un ruolo importante, anche perché rimette al centro la socialità e promuovere approfondimenti, riflessioni e dibattiti” - così Claudio Di Berardino, Assessore Lavoro e nuovi diritti, Formazione, Scuola e diritto allo studio universitario, Politiche per la ricostruzione.

“Siamo orgogliosi di aver intrapreso un percorso educativo che coinvolge giovani e giovanissimi, comprese le classi del primo ciclo – afferma la Presidente di ANEC Lazio Piera Bernaschi – in quanto le nuove generazioni sono sempre più sensibili al linguaggio delle immagini. Negli incontri che organizzeremo – continua la Presidente ANEC Lazio - a partire dal mezzo audiovisivo, verranno affrontati temi impegnativi, siano essi storici, sociali, giuridici o letterari, con la consapevolezza che la visione collettiva aiuti il confronto con il prossimo e rappresenti un’occasione di formazione per i nostri ragazzi”.