Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

LAVORO: PRESENTATI 2 NUOVI BANDI PER STUDENTI UNIVERSITARI

Foto_bandi_università

Presentati due nuovi bandi dedicati agli studenti universitari che hanno partecipato al progetto Torno Subito. In particolare, gli avvisi sono destinati a completare il percorso formativo attraverso misure di politica attiva per promuovere in modo specifico l'occupazione sia con la creazione di attività imprenditoriali sia con incentivi alle imprese del Lazio che assumono gli studenti che hanno partecipato al percorso

31/01/2020 - Presentati due nuovi bandi dedicati agli studenti universitari che hanno partecipato al progetto Torno Subito. In particolare, gli avvisi sono destinati a completare il percorso formativo con misure di politica attiva del lavoro per promuovere in modo specifico l'occupazione. 
  1. Con l'avviso "impresa formativa" ci saranno incentivi a fondo perduto per la creazione di attività imprenditoriali. L'iniziativa prevede un servizio di accompagnamento e supporto alla realizzazione dei progetti, dal business plan alla costituzione dell'impresa, con contributi da 30 mila fino a 100 mila euro.
  2. "Bonus occupazionale" è il bando che contiene invece un sostegno di 8000 euro alle imprese del Lazio che assumono gli studenti destinatari del percorso Torno Subito. 
“Crediamo che la politica e le Istituzioni debbano modulare le scelte per rispondere alle esigenze reali delle persone. Questi bandi che oggi presentiamo nascono anche dall'ascolto delle esigenze che sono emerse dalle ragazze e ragazzi che hanno partecipato a Torno Subito -parole di Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, Scuola, Formazione e diritto allo studio universitario, che ha aggiunto: vogliamo così che il percorso di formazione acquisito nelle nostre università, unito a quello rappresentato da Torno Subito, resti patrimonio della Regione Lazio, una regione che deve offrire reali opportunità agli studenti. Non devono essere costretti a cercare altrove il loro futuro ma devono poter contribuire alla crescita del territorio e diventarne classe dirigente”.