Sei in: Home \ sala stampa \ dettaglio notizia

  

  

RIAPRONO LE 10 SEDI DI PORTA FUTURO LAZIO

Riaprono da sedi Porta Futuro, i servizi della Regione Lazio dedicati principalmente agli studenti universitari e gestiti da DiSCo. L'accesso, in questa fase, avverrà su prenotazione, mentre da remoto continueranno ad essere erogati tutti i servizi di orientamento, formazione e supporto alla redazione e traduzione del curriculum vitae, servizi che anche durante la Fase 1 dell'emergenza epidemiologica sono stati sempre garantiti

09/07/2020 - Riaprono da sedi Porta Futuro, i servizi della Regione Lazio dedicati principalmente agli studenti universitari e gestiti da DiSCo. L'accesso, in questa fase, avverrà su prenotazione, mentre da remoto continueranno ad essere erogati tutti i servizi di orientamento, formazione e supporto alla redazione e traduzione del curriculum vitae, servizi che anche durante la Fase 1 dell'emergenza epidemiologica sono stati sempre garantiti.

Per le informazioni sulle varie opportunità, sull'uso dei PC, per l'accreditamento al portale, i cittadini possono prenotarsi, facendo richiesta telefonica o via mail alla sede di riferimento territoriale con la quale verrà concordato un appuntamento. L'elenco delle sedi, con i contatti e altre informazioni sul funzionamento degli uffici, sono consultabili sul sito portafuturolazio.it.

“Simbolicamente sono stato presente alla riapertura della sede di via Cesare De Lollis, punto di riferimento fondamentale per gli studenti dell'università Sapienza di Roma. Questa, come le altre, è stata dotata di dispositivi e segnaletica in osservanza di quanto indicato dalle linee guida per la riapertura delle attività. Credo che la riapertura delle 10 sedi di Porta Futuro Lazio, distribuite in tutte le province della regione, vada incontro alle esigenze di tanti giovani che in questa fase, più che mai, devono essere supportati sia nel percorso di studi sia nell'avvicinamento al mondo del lavoro" -così in una nota l’Assessore al Lavoro, Formazione, Scuola e Diritto allo studio universitario, Claudio Di Berardino