MAFIE: ECCO I VINCITORI DEL CONCORSO MUSICALE “UN BRANO CONTRO LE MAFIE”


Un buono acquisto di 3mila euro per attrezzature musicali è stato il premio  per i vincitori del concorso “Un brano contro le mafie”. Un momento di condivisione importante sui temi della legalità che ha coinvolto centinaia di ragazzi e ragazze in tutto il Lazio

24/05/2016 - Proclamati i gruppi studenteschi vincitori del concorso “Un brano contro le Mafie”, , durante il concerto alla Casa del Jazz organizzato dalla Regione Lazio,nell’ambito  della manifestazione nazionale  “Palermo chiama Italia”. In premio un buono acquisto per attrezzature musicali di 3mila euro.

Tutte le scuole del Lazio, a partire da settembre, riceveranno il cd con la registrazione live del concerto dedicato alle vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Ecco i vincitori:
  • “Karol Wojtyla” di Roma con il gruppo “I Fuori dal Coro” che hanno presentato il brano “You Better Care” (categoria degli Istituti Comprensivi).
     
  • “Via Copernico” di Pomezia con il gruppo dei “Grossover” con il rap “Italia Libera” (Per la categoria Istituti Superiori).
La giuria del premio composta, tra gli altri, da Luca Barbarossa, Stefano Di Battista, Carmen Consoli e “Er Piotta”, ha deciso una menzione speciale per:
  • Giorgiana Mori dei “Blues Sunhine” del liceo Classico “Cicerone” di Frascati  come miglior voce;
  • il brano “No alla Mafia” del “Liceo Peano” di Roma per il legame con la realtà;
  • i ragazzi dell’Istituto comprensivo “Amendola Guttuso” di Ostia come miglior lavoro di gruppo.
85 brani hanno partecipato al concorso, un lavoro di condivisione sui temi della legalità che ha coinvolto intere classi e in alcuni casi tutta la scuola.

“È dalla consapevolezza e dall’energia positiva di questi ragazzi – ha affermato Gianpiero Cioffredi, Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio, che può davvero partire quella necessaria rivoluzione della legalità  in grado di rafforzare  gli anticorpi culturali  al contagio mafioso nella nostra Regione. Un ringraziamento particolare – ha concluso – a Niccolò D’Angelo, Questore di Roma; Salvatore Luongo, Comandante della Compagnia Provinciale dei Carabinieri Generale,  Colonnello Francesco Gosciu, Capo Centro della Dia di Roma, che con la loro presenza hanno voluto testimoniare la forza di questo impegno civile delle scuole”.