"MALA'NDRINE" VENERDI' 10 NOVEMBRE ORE 21.00 TEATRO VITTORIA


Venerdi 10 novembre alle ore 21.00 presso il Teatro Vittoria di Roma, l’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio e il Premio Nazionale Paolo Borsellino presentano lo spettacolo Mala’ndrine che per il suo carattere educativo ha ricevuto il patrocinio del Miur

08/11/2017 - Nato da un’idea di Francesco Forgione, è uno spettacolo scritto a sei mani con lo scrittore Bartolo Scifo e l’attore de “Le Iene” Pietro Sparacino, per la regia di Pietro Sparacino, che racconta e analizza il fenomeno della ‘ndrangheta dalle sue origini ai giorni nostri.

Oggi le ‘ndrine si diffondono dal cuore arcaico e primitivo della Calabria al Centro-Nord dell’Italia e in tutto il mondo. Muovono miliardi di euro, ma si rintanano nelle grotte dell’Aspromonte; frequentano la bella borghesia e i salotti buoni delle capitali, compresa Roma  ma hanno un’ossessione maniacale per riti antichi dal sapore esoterico, regole scritte e non scritte, tramandate da generazioni dai padri fondatori del crimine; perché, come spiega un boss: “La musica può cambiare… ma per il resto Noi siamo sempre Noi… e noi non possiamo cambiare mai”.

Ragionano così e li ritrovi ovunque. Controllano mercati, gestiscono appalti, scalano aziende in borsa, in Calabria come a Roma, in Sudamerica come in Australia.

Da decenni, ormai, sono i più grandi broker internazionali della cocaina, alleati dei cartelli colombiani e dei feroci Narcos messicani.

Nello spettacolo la ‘ndrangheta è raccontata dalle voci di che della ‘ndrangheta fa parte; intercettazioni, rapporti di polizia, testimonianze e confessioni dei pochi pentiti ci danno un quadro chiaro del potere delle ‘ndrine calabresi.

In scena un attore noto per la sua feroce satira e un giornalista, scrittore e già Presidente della commissione parlamentare antimafia. Una strana coppia che accompagnerà lo spettatore alla scoperta dei riti di affiliazione, della struttura e della storia, dei protagonisti e dei loro affari, dei loro amici politici e di tutte quelle dinamiche sconosciute che hanno trasformato la mala dei vecchi pastori calabresi in una delle più grandi holding criminali del mondo.

Gianpiero Cioffredi Presidente dell’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione Lazio afferma “Malandrine è uno spettacolo che parla della ndrangheta con le voci della ‘ndrangheta, per capire il passato, affrontare il presente e riappropriarci di un futuro libero dalle mafie”.