Sei in: Home \ pari opportunita' \ sala stampa \ dettaglio notizia

TERZA TAPPA DI “IO NON ODIO” CON VINICIO CAPOSSELA E ALTRI ARTISTI DELLA MUSICA

vinicio

Si è svolto il 30 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma il terzo appuntamento di IO NON ODIO, progetto di sensibilizzazione sui temi della lotta alla violenza maschile contro le donne, l’omofobia e il bullismo. Due ore di musica, spettacolo, narrazioni e racconti con protagonisti Vinicio Capossela, Zen Circus, Margherita Vicario, Cor Veleno, Fulminacci e Micol, guidati dal giornalista Ernesto Assante e il coinvolgimento degli studenti delle scuole di Roma e del Lazio.

30/05/2019 - 

Si è svolto il 30 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma il terzo appuntamento di IO NON ODIO, progetto di sensibilizzazione sui temi della lotta alla violenza maschile contro le donne, il razzismo e il bullismo, promosso dalla Regione Lazio - Assessorato Pari Opportunità, con l’Assessorato Formazione, Diritto allo Studio, Università e Ricerca e in collaborazione con la struttura Progetti Speciali. 

Due ore di musica, spettacolo, interventi artistici, narrazioni e racconti con protagonisti Vinicio Capossela, Zen Circus, Margherita Vicario, Cor Veleno, Fulminacci e Micol, guidati dal giornalista Ernesto Assante e con il coinvolgimento degli studenti delle scuole di Roma e del Lazio.

Con il progetto IO NON ODIO abbiamo attivato un cammino di civiltà dialogando con le ragazze e i ragazzi delle scuole, portando alla loro attenzione riflessioni e analisi stimolanti insieme ad artisti e volti noti del mondo della cultura. Quando la musica e l’impegno sociale si mescolano con lo stupore e la purezza dei ragazzi, ogni messaggio contro la violenza diventa immediato e facile da realizzare”. Ha dichiarato Lorenza Bonaccorsi, assessore regionale alle Pari Opportunità.

Il progetto IO NON ODIO intende dare spazio alla creatività degli studenti, con l'obiettivo di valorizzarne le idee attraverso modalità espressive scelte dagli stessi ragazzi. Gli studenti sono invitati a raccontare, ognuno con la propria sensibilità e a seconda dei propri interessi, una storia ispirata ai temi trattati e che descriva riflessioni, analisi e sentimenti scaturiti da questa esperienza. I migliori lavori saranno premiati durante l’evento finale di dicembre 2019.