Sei in: Home \ pari opportunita' \ sala stampa \ dettaglio notizia

BONUS VACANZE E CENTRI ESTIVI PER DONNE VITTIME DI VIOLENZA NELLE CASE RIFUGIO DELLA RETE REGIONALE

bonus_vacanze

La Giunta della Regione Lazio ha approvato l’erogazione di un Bonus per vacanze e centri estivi a favore delle donne vittime di violenza con o senza figli minori che siano ospiti delle Case rifugio della rete regionale, per un importo complessivo pari a 100.000 euro.

12/06/2020 - Il Bonus vacanze andrà a sostenere la possibilità di effettuare brevi soggiorni di vacanza per tutte le donne prese in carico dalle Case rifugio della rete regionale, sole o con figli minori. Il Bonus vacanze sarà richiesto e amministrato dalle responsabili delle strutture e utilizzato nella maniera ritenuta più idonea in base alla valutazione dei singoli casi: il bonus potrà essere utilizzato sia per mandare i singoli nuclei familiari in vacanza in forma autonoma (ove si ritenga sussistano le condizioni di piena sicurezza), sia per organizzare gite o soggiorni brevi in cui tutti i nuclei ospitati nelle strutture possano trascorrere insieme alle operatrici soggiorni di svago, nel territorio laziale. Sarà, infine, possibile includere tra le spese ammissibili anche l’accesso ai centri estivi durante il periodo estivo.

“Dopo un lungo periodo di isolamento, che ha avuto significative ripercussioni sulle persone più fragili, è importante prevedere delle misure di sostegno perché donne vittime di violenza e le loro figlie e i loro figli possano usufruire di periodi di vacanza e frequentare i centri estivi. Per questo, abbiamo deciso di destinare questo contributo per finanziare brevi soggiorni di svago e accesso ai centri estivi per le donne vittime di violenza prese in carico dalle Case rifugio presenti nel Lazio, con e senza figli minori, da utilizzare nel territorio laziale. Tale misura sostiene da un lato, la necessità di momenti di distensione per le donne ospiti nelle nostre Case rifugio e per i lori figli minori tanto più necessari dopo il lockdown; dall’altro aiuta le donne a riappropriarsi del tempo necessario per dedicarsi alla propria professione dopo un periodo di sovraccarico da lavoro di cura” – così dichiara l’Assessora alle Pari opportunità della Regione Lazio, Giovanna Pugliese.