Sei in: Home \ demanio e patrimonio \ alienazione e concessione

ALIENAZIONE E CONCESSIONE

Il nuovo testo della legge regionale 2 maggio 1995, n. 22 “Definitiva sistemazione delle fasce frangivento in Agro Pontino” con le modifiche apportate dall’articolo 7 della legge regionale 27 febbraio 2020, n. 1, di riordino dei procedimenti amministrativi concernenti concessioni su beni demaniali e non demaniali regionali, che ha determinato l’abrogazione del regolamento regionale 3 settembre 2008, n. 15, stabilisce che i terreni destinati a fasce frangivento in Agro Pontino e in altri territori regionali, appartenenti al demanio e al patrimonio indisponibile, rientranti all’interno o al di fuori dei perimetri urbani, possono essere alienati, previa classificazione come beni del patrimonio disponibile regionale, oppure ceduti a titolo oneroso a chi, avente titolo (possessori, frontisti e confinanti), ne manifestasse l’interesse, oppure ai comuni/enti.

Inoltre, la medesima l.r. 1/2020, nelle more dell’adozione della nuova disciplina, ai procedimenti di concessione applica le disposizioni contenute nel regolamento regionale 6 settembre 2002, n. 1 “Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale” e successive modifiche; mentre ai procedimenti di alienazione applica quelle contenute nel regolamento regionale 4 aprile 2012, n. 5 “Regolamento regionale di attuazione e integrazione dell'articolo 1, comma 102, lettera b), della legge regionale 13 agosto 2011, n. 12 "Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013"”, recante norme sui criteri, le modalità e gli strumenti operativi per la gestione e la valorizzazione del patrimonio immobiliare regionale” e successive modifiche, comprese le disposizioni contenute nell’articolo 9 ter del citato regolamento relative ai titolari di contratti ex O.N.C..

- ALIENAZIONE

- CONCESSIONE/CESSIONE