Sei in: Home \ politiche sociali \ servizi socio-assistenziali

Servizi Socio-assistenziali

Le prestazioni di natura socioassistenziale possono essere erogate, in forma residenziale, semiresidenziale e diurna o presso il domicilio attraverso i servizi e gli interventi alla persona, sulla base di piani personalizzati, in favore di:

  • minori, per interventi socioassistenziali e educativi integrativi o sostitutivi della famiglia;
  • adulti con disabilità, comprese le persone affette da malattie cronico-degenerative invalidanti, per interventi socioassistenziali, finalizzati al mantenimento ed al recupero dei livelli d’autonomia delle persone ed al sostegno della famiglia;
  • anziani, per interventi socioassistenziali finalizzati al mantenimento ed al recupero delle residue capacità di autonomia della persona ed al sostegno della famiglia;
  • persone con problematiche psicosociali prive del necessario supporto familiare, per interventi socioassistenziali sulla base di un piano personalizzato di riabilitazione sociale;
  • le donne in situazione di disagio sociale, anche con figli minori, che non possono provvedere autonomamente al proprio sostentamento e che non abbiano un tessuto familiare adeguato.

La definizione da parte della Regione dei requisiti autorizzativi garantisce in tutto il territorio regionale livelli minimi omogenei di offerta e ha come obiettivo non solo quello di regolare, ma soprattutto quello di offrire un “sistema di qualità”.

Le strutture e i servizi socioassistenziali sono autorizzati al funzionamento dai comuni competenti per territorio, singoli o associati, previo parere dell’azienda sanitaria locale in relazione alle materie di competenza.

I servizi e gli interventi alla persona consistono in un insieme di prestazioni sociali rese a domicilio a persone in condizioni di parziale o totale non autosufficienza, nonché a famiglie con componenti a rischio di emarginazione, e sono rivolti prevalentemente alle seguenti tre aree di intervento: area dell’invecchiamento, area della disabilità e del disagio psichico, area dell’età evolutiva e giovanile.

L’assistenza domiciliare è finalizzata a favorire la permanenza delle persone nel proprio ambiente, nonché ad elevare la qualità della vita delle stesse e dei componenti della famiglia che prestano loro assistenza, evitando fenomeni di isolamento ed emarginazione sociale.

L’assistenza domiciliare può essere integrata in caso di necessità di un’assistenza che richiede interventi sia di tipo sociale a rilevanza sanitaria sia di tipo sanitario a rilevanza sociale.

Il servizio di assistenza domiciliare socio assistenziale nel Lazio, viene definito dalla legge regionale del 10 agosto 2016, n. 11 “Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio” all’articolo 26 e dalla DGR 223/2016 e s.m.i.

Interventi di assistenza domiciliare sociale, integrata con l’assistenza domiciliare sanitaria, sono altresì previsti dalla legge regionale del 23 novembre 2006, n. 20 “Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza” all’articolo 3.

La funzione di vigilanza sulla corretta erogazione delle prestazioni socioassistenziali e sul mantenimento dei requisiti strutturali, organizzativi e gestionali previsti dalla vigente normativa per le strutture e per i servizi del sistema integrato è esercitata dai comuni, singoli o associati, in collaborazione con le aziende sanitarie locali.

CONTATTI

AREA - Programmazione degli interventi e dei servizi del sistema integrato sociale

Dirigente Alberto Sasso D'Elia - tel: +39 06 5168 8043

e-mail: asassodelia@regione.lazio.it 

posta certificatdirezioneinclusionesociale@regione.lazio.legalmail.it