Sei in: Home \ politiche sociali \ gioco d'azzardo

Gioco d'azzardo

In applicazione della Legge regionale n. 5 del 5 agosto 2013, “Disposizioni per la prevenzione e il trattamento del gioco d’azzardo patologico (GAP)” la Regione Lazio ha promosso interventi, iniziative e campagne di sensibilizzazione, educazione ed informazione sui rischi del gioco d’azzardo patologico. 

Il Piano regionale sul gioco d’azzardo per il biennio 2018-2019, ha previsto nuovi interventi di prevenzione, cura e riabilitazione indirizzati alla popolazione e alle persone affette da patologia da gioco d’azzardo patologico, dando continuità alle azioni già messe in atto con il  Piano biennale regionale 2017-2018.

Tra le azioni realizzate vi sono:

  • la creazione e potenziamento di una rete di Sportelli informativi distrettuali che svolgono attività di ascolto, informazione; 
  • lo sviluppo dell’animazione socio culturale territoriale attraverso interventi nelle scuole, partecipazione ad iniziative e manifestazioni locali con info-point, organizzazione di dibattiti pubblici e distribuzione di materiale pubblicitario relativo al gioco d’azzardo con rischio patologico;
  • l’assegnazione alle ASL di risorse economiche destinate alla prevenzione, cura e riabilitazione delle patologie connesse alla dipendenza da gioco d’azzardo patologico, in base al criterio della popolazione assoluta per ASL di residenza.
Le risorse economiche assegnate alle ASL sono volte a realizzare, in particolare,  i seguenti obiettivi:
  • l’inserimento, presso le strutture specialistiche, residenziali o semiresidenziali, di cittadini affetti da patologie da gioco d’azzardo che necessitano del trattamento di cura e riabilitazione da svolgere lontano dal proprio ambiente di vita;
  • l’incremento del personale specializzato dei servizi per le dipendenze, al fine di rafforzare la capacità di presa in carico, attivare gruppi di auto mutuo aiuto ed altre metodologie psicoeducative, sperimentare modalità di intervento innovative, sia sotto il profilo preventivo ed educativo che sotto il profilo riabilitativo ed inclusivo, da attuare direttamente o in modo integrato con i servizi sociali territoriali e con il Terzo Settore;
  • la formazione e l’aggiornamento degli operatori sanitari, sociali e del Terzo Settore, per realizzare un percorso formativo, della durata di quattro anni, finalizzato alla conoscenza del fenomeno patologico del gioco d’azzardo, condividendo strumenti e strategie efficaci sui percorsi di cura e riabilitazione.
  • la realizzazione di un Portale interattivo on line - Osservatorio on line permanente - che prevede la rilevazione sistematica e completa dei dati sui Servizi sociosanitari presenti sul territorio regionale per la prevenzione, la cura ed il trattamento delle patologie da gioco d’azzardo. Esso conterrà anche la mappatura completa ed aggiornata degli esercizi commerciali dedicati al gioco d’azzardo al fine di consentire il monitoraggio e la verifica della distanza dai luoghi sensibili.

E’ in fase di avvio il progetto denominato “Game Over”, un modello innovativo, già testato sul campo, particolarmente idoneo per la prevenzione ed il contrasto delle patologie connesse al gioco d’azzardo rivolto ai giovani, cui ha aderito l’Ufficio Scolastico Regionale. Il progetto verrà realizzato dall’Asilo Savoia e vedrà coinvolte le seconde classi di tutti gli Istituti Scolastici Superiori della Regione.

CONTATTI

AREA FAMIGLIA, MINORI E PERSONE FRAGILI

  • e-mail:inclusione@regione.lazio.it
  • tel.0651688180