Sei in: Home \ protezione civile \ pianificazione \ rischio industriale

Rischio industriale

 

Con il termine di rischio industriale si definisce la probabilità del verificarsi di un "incidente   rilevante", cioè di un  evento quale un'emissione di nube tossica, un incendio o un'esplosione di grande entità,  dovuto a  sviluppi  incontrollati  che  si  verificano durante l'attività di uno stabilimento industriale, e che dia luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l'ambiente, all'interno  o  all'esterno  dello  stabilimento,  e  in  cui  intervengano  una  o  più sostanze pericolose.

A partire dagli anni  Settanta,  a seguito del  verificarsi  di  diversi  incidenti, la Comunità Europea ha preso coscienza del pericolo derivante dall'attività industriale, sia per la salute, che per le cose e per l'ambiente, ed ha emanato una serie di normative dirette a prevenire o mitigare i rischi legati ad attività industriali particolarmente pericolose.

Nel 1982 è stata emanata la direttiva comunitaria n. 82/501, nota come Direttiva Seveso (così definita a seguito dell'incidente verificatosi allo stabilimento ICMESA di Seveso il 10 luglio 1976), recepita  con il D.P.R. 17 maggio 1988, n. 175.

Attualmente, in Italia, la materia è disciplinata dal D.Lgs. 17 agosto 1999,  334  "Attuazione delle direttiva 96/82/CE relativa al controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose" e s.m.i., che prevede una serie di obblighi sia per i gestori degli stabilimenti, che per le Amministrazioni Pubbliche, al fine di prevenire gli incidenti rilevanti o limitarne le conseguenze.

Importanti sono gli adempimenti diretti ad assicurare una completa informazione alla popolazione in merito ai rischi ed ai corretti comportamenti da adottare in caso di accadimento di incidente rilevante.

L'elenco degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante è predisposto dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare - Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali - Divisione IV - Rischio rilevante e autorizzazione integrata ambientale, ed è redatto in collaborazione con il Servizio Rischio Industriale di ISPRA. L'elenco viene aggiornato "semestralmente".

In base all'Inventario Nazionale degli stabilimenti suscettibili di causare incidenti rilevanti, aggiornato ad ottobre 2011, nella Regione Lazio sono presenti 65 stabilimenti a rischio incidente rilevante, di cui 34 rientranti nell'ambito dell'art. 6 del D.Lgs. 334/99 e 31 nell'ambito dell'art. 8.