Sei in: Home \ protezione civile \ sala stampa \ dettaglio notizia

CORSO DI AUTOPROTEZIONE IN AMBIENTE ACQUATICO PER I VOLONTARI DI PROT. CIVILE DELLA R.L.

corso_autoprotezione
16/10/2019 - Nella suggestiva cornice del Lago di Bracciano, presso il prestigioso Centro Storiografico e Sportivo del Museo dell’Aeronautica militare di Vigna di Valle, nei giorni del 12 e 13 ottobre si sono svolte l’undicesima e dodicesima edizione del corso di formazione AUTOPROTEZIONE IN AMBIENTE ACQUATICO destinato ai volontari di protezione civile appartenenti alle Organizzazioni di volontariato di protezione civile specializzate ad intervenire durante gli eventi alluvionali.

L’obiettivo  è  stato  quello  di  rafforzare ulteriormente la  coscienza del  pericolo e dell’autoprotezione in caso di caduta o scivolamento accidentale in bacini idrici naturali o ambienti artificiali allagati, lavorando in particolare su prevenzione del rischio, formazione e coordinamento di squadra.

La formazione è stata impartita da sette docenti provenienti dalla Federazione Italiana Nuoto (FIN) e dal Dipartimento Nazionale Emergenza Mare (DNEM) e si è articola in due fasi.

La prima fase, di tipo pratico, si è svolta la mattina e ha previsto lo svolgimento da parte di ciascun volontario di cinque “manovre” direttamente nelle acque del lago, ad ognuna delle quali è stato attribuito un punteggio. I volontari hanno acquisito la corretta gestualità per il lancio del cordino di salvataggio,  hanno  preso  “contatto”  con  l’acqua  simulando  una  caduta  accidentale  con  gli indumenti addosso e hanno appreso la tecnica necessaria al recupero all’interno dell’imbarcazione del compagno caduto in acqua, hanno quindi verificato l’importanza in tali circostanze dell’utilizzo dei D.P.I., - giubbetto salvagente e cordino di salvataggio.

Nel pomeriggio la formazione è proseguita in aula con il debreafing di quanto sperimentato nella mattina, promuovendo anche la discussione dei volontari con i docenti sulle impressioni scaturite durante le prove in acqua.

Quest’anno l’edizione del 13 ottobre ha visto la gradita partecipazione anche di due militari di stanza presso il Centro Sportivo con i gradi di Sergente e Aviere Capo. Tutti i 65 partecipanti- 63 volontari e 2 militari - sono risultati brillantemente idonei al test di valutazione finale. Il corso AUTOPROTEZIONE IN AMBIENTE ACQUATICO che dal 2015, anno di prima edizione, ha coinvolto in questa formazione specialistica circa 330 volontari di protezione civile, si inscrive nella programmazione formativa dell’Agenzia regionale di Protezione Civile. Dal 2018 si realizza anche attraverso l’Accordo Quadro sottoscritto con l’Istituto A.C. Jemolo presso il quale è stata istituita la “Sezione di Alta Formazione di Protezione Civile”.