Sei in: Home \ rifiuti \ tariffe istruttorie

TARIFFE ISTRUTTORIE

Tariffe istruttorie

Il rilascio degli atti autorizzativi o delle loro modifiche ed integrazioni, relativamente alle attività di cui al D.lgs. 152/06 e s.m.i. è previsto debba avvenire senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica al fine di concorrere al contenimento e al controllo della spesa regionale e secondo quanto previsto dal DM Ambiente 24/04/2008 ai sensi dell’art. 18 comma 2 del D.lgs. 59/05 avente ad oggetto “Modalità, anche contabili, e tariffe da applicare in relazione alle istruttorie ed ai controlli previsti dal D.lgs. 18 febbraio 2005, n. 59”.

A tal fine, sono poste a carico dei soggetti interessati, gli oneri derivanti dalle prestazioni e dai necessari controlli, previa valutazione delle spese che l’Amministrazione regionale sostiene per l’esperimento delle attività amministrative, dei rilievi, degli accertamenti e dei sopralluoghi necessari per l’istruttoria delle istanze di autorizzazione.

I versamenti delle tariffe dovranno essere effettuati da parte dei soggetti interessati secondo le seguenti modalità alternative:

  • c/c postale n. 785014 intestato alla Regione Lazio, causale del versamento “Cap. 341552 - D.lgs. 152/2006 - Tariffe per il rilascio degli atti nell’ambito della gestione dei rifiuti”;
  • oppure c/c bancario n. 292 intestato alla Regione Lazio, codice IBAN IT03M0200805255000400000292, causale del versamento “Cap. 341552 - D.lgs. 152/2006 - Tariffe per il rilascio degli atti nell’ambito della gestione dei rifiuti”;
L’attestazione del pagamento delle citate tariffe dovrà essere allegata all’istanza per tutte le autorizzazioni richieste, in mancanza della quale non potrà essere avviato il procedimento

Con la nuova D.G.R. 44/2020 sono state riordinate le tariffe anche in relazione ai nuovi istituti previsti e a quelli abrogati. (nell’allegato A sono riportate la nuove tariffe)

Viene pubblicato inoltre uno schema in formato excel per il calcolo delle tariffe istruttorie dovute in sede di richiesta di prima AIA o di modifiche sostanziali alla medesima. In sede di presentazione dell’istanza, è necessario presentare lo schema di calcolo sottoscritto dal rappresentante legale dell’azienda istante.