Sei in: Home \ sanita' \ centro regionale rischio clinico

CENTRO REGIONALE RISCHIO CLINICO

La gestione del rischio clinico in sanità (o Clinical Risk Management) ha come obiettivo quello di migliorare la qualità delle prestazioni sanitarie e aumentare la sicurezza dei pazienti e degli operatori. A questo scopo impiega un insieme di metodi, strumenti e azioni per identificare, valutare e trattare i rischi connessi all’erogazione delle cure.

La regione Lazio, a partire dal 2014, ha istituito un Comitato tecnico di coordinamento sul tema, rimasto in carica fino al 2017. Successivamente all’approvazione della Legge 8 marzo 2017, n. 24 (Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in materia di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie), ha istituito il Centro Regionale Rischio Clinico (CRRC).

Quali sono le funzioni del CRRC?

Il CRRC rappresenta un organismo tecnico di supporto alla Direzione Regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria e all’Assessorato Sanità e Integrazione Socio-Sanitaria sui temi inerenti la gestione del rischio clinico, compresi quelli relativi al rischio infettivo.

Contribuisce a definire le politiche e gli strumenti relativi alla gestione del rischio clinico e infettivo, elaborando le Linee Guida per l’elaborazione annuale, da parte delle strutture sanitarie e sociosanitarie, pubbliche e private del SSR, del Piano Annuale di Risk Management (PARM) e del Piano Annuale Infezioni Correlate all’Assistenza (PAICA).

Elabora documenti di indirizzo su molti e diversi argomenti: dalle cadute del paziente agli atti di violenza a danno degli operatori sanitari, dalla sicurezza della terapia farmacologica alla corretta identificazione del paziente, dalla morte materna e neonatale alle lesioni da pressione.

Coordina la gestione del flusso ministeriale SIMES (Sistema Informativo per il Monitoraggio degli Errori in Sanità) relativo agli eventi sentinella tramite il portale regionale denominato Rating ASL: i dati caricati sul portale vengono analizzati e diffusi alle strutture del SSR con un report annuale.

Il CRRC coordina anche le attività legate al monitoraggio della implementazione delle raccomandazioni ministeriali condotto annualmente da AGENAS.

Con il supporto di LazioCrea, inoltre, gestisce il Cloud del rischio clinico, uno spazio virtuale di confronto fra tutte le strutture del SSR, costituito da un archivio elettronico al cui interno gli operatori accreditati possono trovare, fra l’altro: i documenti elaborati dal CRRC e la modulistica relativa; i PARM e i PAICA inviati nel corso degli anni; tutte le procedure di implementazione delle raccomandazioni ministeriali o comunque relative alla gestione del rischio clinico e infettivo elaborate dalle strutture pubbliche e private del SSR.

Il CRRC riunisce periodicamente tutti i professionisti che si occupano di rischio clinico e infettivo nelle strutture del SSR, per presentare i documenti via via elaborati e raccogliere indicazioni e suggerimenti per nuove attività. Questi incontri sono un fondamentale momento di condivisione, di confronto oltre che di scambio di idee e competenze fra le diverse ed eterogenee realtà regionali.