Sei in: Home \ tributi \ tassa automobilistica \ intermediari alla riscossione

Intermediari alla riscossione

PASSAGGIO DA R.I.D. A SEPA DIRECT DEBIT per il riversamento delle somme riscosse dagli intermediari alla riscossione a titolo di Tassa automobilistica

Il Regolamento Europeo 260/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio, ha determinato i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici e gli addebiti diretti in Euro. La Banca d’Italia, con apposito Provvedimento, ha emanato, per l’Italia, le istruzioni applicative del suddetto regolamento, A seguito delle predette disposizioni, a partire dal 1° Febbraio 2014 i serviziSEPA Credit Transfer (S.C.T. - bonifico SEPA) e SEPA Direct Debit (S.D.D. – incasso SEPA nelle sue varianti CORE e B2B) hanno sostituito i servizi nazionali di bonifico e di addebito diretto (R.I.D.). In particolare il nuovo servizio S.D.D. prevede un nuovo Mandato SEPA che sostituirà l’attuale delega R.I.D.

La tipologia di Mandato SEPA prescelta dalla Regione Lazio, per i riversamenti delle somme riscosse dagli intermediari alla riscossione a titolo di Tassa automobilistica, è il “SEPA DIRECT DEBIT B2B”, cioè quella destinata particolarmente ai rapporti fra Aziende, con natura del debitore “non consumatore”. Tale tipologia di mandato non prevede la facoltà di storno successivamente all’esecuzione dell’addebito.

La Regione Lazio ha effettuato il passaggio da R.I.D a SEPA Direct Debit per il riversamento delle somme riscosse dagli intermediari a titolo di Tassa automobilistica a partire dalle settimane contabili come segue:

  • Tabaccai:la settimana contabile interessata dal primo lancio SEPA Direct Debit (first) è quella relativa alle somme riscosse dal 28/05/2014 al 03/06/2014;
  • Delegazioni ACI e Agenzie di Pratiche Auto:la settimana contabile interessata dal primo lancio SEPA Direct Debit (first) è quella relativa alle somme riscosse dal 02/06/2014 al 08/06/2014.

Tenuto conto che, ai sensi del Regolamento Regionale n. 13 del 03 agosto 2012 e, in particolare, da quanto disposto dagli artt. 4 e 5, costituisce condizione necessaria per la riscossione delle tasse automobilistiche, l’autorizzazione rilasciata dall’intermediario alla Regione Lazio a prelevare direttamente dal proprio conto corrente l’ammontare delle somme riscosse, nonché l’esito positivo della procedura di allineamento elettronico degli archivi, oggi assicurata dal servizio AOS SEDA avanzato a cui la Regione Lazio ha aderito ai fini del riversamento delle somme riscosse [servizio che consente, attraverso la Banca di Allineamento, lo scambio di flussi elettronici fra la Banca del debitore (Banca dell’intermediario) e il creditore (Regione Lazio)];

Considerato che il passaggio da R.I.D a SEPA Direct Debit coinvolge diversi soggetti (Istituti di Credito, creditori, debitori, infrastrutture e sistemi di scambio atti a garantire la raggiungibilità dei clienti attraverso le Banche e gli Istituti di pagamento), può verificarsi l’eventualità che tale passaggio richieda l’esigenza di modificare il contenuto dell’autorizzazione R.I.D. a suo tempo rilasciata (ad es. per variazioni del codice IBAN o per altre ragioni), per cui si presenta la necessità che l’intermediario alla riscossione sottoscriva il nuovo Mandato SEPA Direct Debit B2B, il cui Modello dovrà essere generato dalla Regione Lazio e inviato allo stesso intermediario (ogni Mandato generato dalla Regione è caratterizzato dall’avere un numero di riferimento univoco). L’intermediario dovrà consegnare il Mandato ricevuto alla propria Banca, che si farà carico di acquisirlo e conservarlo, trasmettendo informaticamente alla Regione Lazio la conferma della sua acquisizione. Si invitano gli intermediari alla riscossione a verificare con la propria Banca che gli addebiti SEPA DD sui propri conti di pagamento non siano inibiti.

Nella prima fase attuativa del suddetto passaggio a SEPA DD, al fine di dare celerità all’invio e alla sottoscrizione del Mandato SEPA Direct Debit B2B e all’allineamento elettronico degli archivi tramite il servizio AOS SEDA avanzato, per gli intermediari per i quali si presenta tale necessità, si invitano gli stessi, anche al fine di aggiornare la banca dati regionale, a compilare la SCHEDA INTERMEDIARIO, riportata nel box a fianco e ad inviare lo stesso debitamente compilato ad uno dei seguenti recapiti:

  • Fax 06/51684337;
  • Indirizzo PEC: protocollo@regione.lazio.legalmail.it;
  • Tramite il servizio postale al seguente indirizzo: Regione Lazio - Direzione Programmazione Economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio - Area Gestione Tassa Automobilistica e Recupero Crediti Regionali - Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 00145 ROMA (è anche possibile consegnare la comunicazione direttamente all’Ufficio accettazione Postale della Regione, situato presso l’indirizzo ora indicato).

Al fine di aggiornare la banca dati regionale, si invitano anche gli intermediari alla riscossione per i quali non si presenta la necessità di sottoscrivere un nuovo Mandato, in quanto gli archivi elettronici sono regolarmente allineati, a compilare ed inviare ai recapiti ora indicati, la SCHEDA INTERMEDIARIO.