Sei in: Home \ tributi \ irap

IRAP

L'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) è stata introdotta nell'ordinamento tributario con il decreto legislativo 15 Dicembre 1997, n. 446.

L'Irap è un'imposta:
  • locale, in quanto applicabile alle attività produttive esercitate nel territorio di ciascuna regione;
  • reale, in quanto prende in esame non il soggetto d'imposta, bensì le tipologie di attività esercitate dal medesimo.
Il presupposto dell'IRAP è lo svolgimento di una attività autonomamente organizzata, diretta alla produzione e allo scambio di beni nonché alla produzione di servizi.

Chi paga

Sono soggetti passivi dell'IRAP gli imprenditori individuali, le società, gli enti commerciali e non commerciali, gli esercenti arti e professioni, le Amministrazioni Pubbliche, gli enti e le società non residenti (limitatamente al valore aggiunto prodotto nel territorio nazionale).

Quando e come si paga

I soggetti privati versano l'IRAP avvalendosi del modello F24.
Nel sito dell'Agenzia delle Entrate sono indicati i codici tributo da utilizzare per il versamento dell'IRAP con il modello F24.
Gli Enti pubblici in regime di Tesoreria unica (enti individuati nelle tabelle A e B allegate alla Legge 720/1984, tra cui Regioni, Province e Comuni) versano l'addizionale regionale all'IRPEF utilizzando il modello di versamento telematico F24EP (F24 Enti Pubblici), in cui vanno indicati i codici riportati nel file presente nella sezione "allegati" in basso.

Ai sensi dell'art. 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241 l'addizionale regionale può essere portata in compensazione dei tributi, contributi e premi da versare con il modello F24.

Quanto si paga

La base imponibile IRAP è costituita, in via generale, dal valore aggiunto netto prodotto nel territorio regionale.
Per valore aggiunto netto, si intende il valore dei beni e dei servizi prodotti dall'impresa in un determinato periodo di tempo, al netto dei costi sostenuti per l'acquisto delle materie prime, dei prodotti intermedi e degli ammortamenti. Considerando il valore aggiunto non come sottrazione tra valore della produzione e una serie di costi della produzione ma come sommatoria delle remunerazione dei fattori produttivi, l'IRAP colpisce:
  • i profitti (remunerazione del capitale di rischio);
  • gli interessi passivi (remunerazione del capitale di prestito);
  • gli stipendi (remunerazione del capitale umano).
Nelle tabelle, ai links sottostanti, sono riportate le aliquote relative all'IRAP da applicare alla base imponibile ai fini della determinazione dell'imposta dovuta:

Rimborsi

Compete alla Regione l'esecuzione dei procedimenti di rimborso, su istanza di parte, limitatamente a doppi pagamenti ed errate imputazioni.

Per tutte gli altri procedimenti di rimborso, è necessario rivolgersi agli Uffici della Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate competenti per territorio, in coerenza con quanto previsto dalla Convenzione per la gestione dell'IRAP e dell'addizionale regionale all'IRPEF sottoscritta da Regione Lazio e Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale del Lazio.
Nel sito dell'Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale del Lazio sono indicati gli uffici territorialmente competenti.

Contatti

Per informazioni più dettagliate:
Telefono: 06-51684344 (dal Lunedì al Venerdì, ore 9.00-13.00)
Indirizzo di posta elettronica: fpileggi@regione.lazio.it
Indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC): federalismofiscale@regione.lazio.legalmail.it
Indirizzo: Regione Lazio - Dipartimento Programmazione Economica e Sociale
Direzione Bilancio, Ragioneria, Finanza e Tributi
Area Tributi, Finanza e Federalismo
Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7
00145 ROMA
esprimi un giudizio sul contenuto della pagina clicca per esprimere la tua valutazione: contenuto pessimo clicca per esprimere la tua valutazione: contenuto insufficiente clicca per esprimere la tua valutazione: contenuto sufficiente clicca per esprimere la tua valutazione: contenuto buono clicca per esprimere la tua valutazione: contenuto ottimo