Sei in: Home \ urbanistica \ domande frequenti \ dettaglio domanda frequente

Piano Casa - L'art. 3, comma 3, lett. a), prevede che l'ampliamento può essere autorizzato anche con la costruzione di un corpo edilizio separato di carattere accessorio e pertinenziale. Si chiede, per tanto, se è possibile realizzare un ampliamento separato con destinazione ad abitazione o se il carattere accessorio o pertinenziale richiesto dalla legge impedisca tale destinazione.

25/02/13 - Si, la prima circolare approvata con DGR n. 20 del 26/01/2012, al punto 6.5, ha già chiarito tale aspetto nel senso che "... la pertinenzialità a cui richiama l'art. 3, comma 3, l.r. n. 21/2009 è ovviamente quella civilistica, poiché l'ampliamento è destinato ad avere le stesse destinazioni e funzioni dell'edificio originario;...". Il vano o i vani che si andranno a realizzare per effetto dell'applicazione del Piano Casa avranno perciò carattere  accessorio nell'esclusivo senso del rapporto di accessorietà ( in senso civilistico e non urbanistico) con l'edificio principale e ferma restando la loro funzione abitativa.