Sei in: Home \ ufficio relazioni con il pubblico \ sala stampa \ dettaglio notizia

    Contributo acquisto prima casa per famiglie in difficoltà

    15/01/2015 - Con Deliberazione 30 dicembre 2014, n. 929, pubblicata sul Bur n.5 del 15/01/2015, viene approvato lo schema di avviso pubblico recante le modalità ed i criteri per l’erogazione dei contributi a favore delle famiglie in difficoltà per l'acquisto della prima casa, ai sensi di quanto previsto dall'art. 9, Legge regionale 30 dicembre 2013, n. 13 "Legge di stabilità regionale 2014", con cui è istituito un fondo denominato “Fondo alle famiglie per mutuo prima casa” per garantire un sostegno alle famiglie in difficoltà.

    LA PRESENTE DELIBERA APPROVA SOLAMENTE LO SCHEMA DI AVVISO, E’ NECESSARIO ASPETTARE LA PUBBLICAZIONE DI APPOSITA DETERMINA DI APPROVAZIONE DEL VERO E PROPRIO AVVISO PUBBLICO

    I contributi sono erogati, a fondo perduto, al fine di sostenere la copertura degli oneri relativi alle rate di mutuo per l’acquisto della prima casa.

    Vengono affidate all’Agenzia regionale Sviluppo Lazio S.p.A, le procedure di attuazione per la concessione dei contributi di cui alla presente deliberazione.

    La Direzione Regionale Infrastrutture, Ambiente e Politiche Abitative provvederà, all’adozione di tutti gli atti necessari e conseguenti all’attuazione del presente provvedimento, nonché alla definizione degli accordi fra la Regione Lazio e Sviluppo Lazio S.p.A..


    Destinatari:

    Nuclei familiari, con capacità reddituale e patrimoniale ridotte, che intendono acquistare la prima casa.

    Per le finalità di cui al presente Avviso, per nucleo familiare si intende la famiglia costituita da coniugi conviventi, da conviventi more uxorio ovvero nuclei monoparentali; in presenza di figli gli stessi devono risultare coresidenti e fiscalmente a carico. Fanno parte altresì del nucleo familiare gli ascendenti, i discendenti ed i collaterali fino al III° grado purché dimostrino la stabile convivenza con il richiedente, per un periodo non inferiore ai 2 anni.


    Requisiti soggettivi:

    a) cittadinanza italiana o di paese membro dell’U.E.;

    b) aver dimorato nel Lazio, con residenza anagrafica, continuativamente da almeno cinque anni;

    c) non titolarità del diritto di proprietà, comproprietà, nuda proprietà, usufrutto, uso e abitazione su alloggi, ovunque ubicati sul territorio nazionale o della U.E.;

    d) non aver già beneficiato di agevolazioni pubbliche, in qualunque forma concesse, per l’acquisto, la costruzione o il recupero di abitazioni, fatta eccezione per le detrazioni di cui all’art. 16-bis, del D.P.R. 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi).

    Il nucleo familiare:

    - deve essere percettore di un reddito imponibile ai fini IRPEF, non inferiore ad € 10.000,00;

    - non deve al contempo aver avuto, nell’anno 2014, un reddito ISEE superiore a € 30.000,00.


    Requisiti oggettivi dell'abitazione da acquistare:

    L’abitazione da acquistare:

    a) non deve essere di proprietà di discendenti o ascendenti diretti in linea retta propri o di altro componente del nucleo familiare;

    b) deve essere accatastata al Nuovo Catasto Edilizio Urbano (NCEU) all’interno delle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6;

    c) non deve avere una superficie utile abitabile superiore a mq 95,00.            

    Ammontare del contributo:

    Il contributo a fondo perduto è determinato in misura corrispondente al 10% del costo dell’abitazione, ivi comprese le eventuali pertinenze, e comunque fino ad un massimo di €10.000,00.

    Presentazione delle domande:


    Le domande di contributo, obbligatoriamente presentate con una delle modalità indicate nella delibera, con i documenti specificati e secondo il modello che verrà approvato con apposita determina, devono essere inviate entro e non oltre le ore 12.00 del 60° giorno decorrente dalla data di pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Lazio. Qualora la scadenza dei termini di ricevimento della domanda coincidesse con una giornata prefestiva o festiva, il termine è posticipato al primo giorno lavorativo successivo.

    Per chiarimenti sui punteggi, sulle procedure per la formazione della graduatoria e per l’erogazione dei contributi e per informazioni sulla decadenza dal diritto al contributo si rimanda al testo integrale della delibera.






    viene approvato lo schema di avviso pubblico recante