L’istituto alberghiero di Ceccano sperimenta “La chimica in cucina”

La cucina è un’arte, con solide basi scientifiche. Chimica e fisica, le due discipline che studiano le trasformazioni della materia, ricorrono continuamente nel lavoro di ogni cuoco. Cucinando si sottopongono gli alimenti a un processo di trasformazione. Si manipolano e mescolano cibi, per ottenere sapori, forme, aromi e consistenze differenti.

Alla relazione chimica-cucina l’istituto alberghiero di Ceccano ha dedicato il proprio progetto di divulgazione alimentare, realizzato per l’edizione attuale di Sapere i Sapori. Un progetto coordinato dal corpo docente dell’istituto, articolato in tre attività principali: analisi di laboratorio, lezioni frontali e visite extrascolastiche presso il Mercato Ortofrutticolo di Fondi (MOF).

Proprio sotto la supervisione dei tecnici del MOF, gli studenti dell’alberghiero, nel corso dell’anno, hanno preso parte alle analisi chimiche sulle derrate, alla ricerca di pesticidi e sostanze potenzialmente tossiche.

L’intero progetto è stato esposto in un convegno dedicato al binomio chimica-cucina, che si è svolto nella cittadina del frusinate lo scorso mercoledì 21 aprile. Alla realizzazione del convegno, pensato come occasione di divulgazione e approfondimento sul tema, hanno contribuito il personale docente dell’istituto, Arsial e il Nucleo Antisofisticazioni e Sanità (NAS) dell’Arma dei Carabinieri di Latina.

“La chimica in cucina” – Il video del convegno

Facebooktwittergoogle_plusmail