Sei in: Home \ la giunta regionale \ sartore
    assessore sartore
    ALESSANDRA SARTORE
    Assessore Programmazione Economica, Bilancio, Demanio e Patrimonio
    Laureata in giurisprudenza presso l'UniversitÓ degli studi di Perugia, ha conseguito il Diploma di specializzazione in Diritto Amministrativo e scienze dell'amministrazione presso l'UniversitÓ Federico II di Napoli.

    Ha conseguito l'abilitazione professionale all'insegnamento per la classe relativa a Discipline Giuridiche ed Economiche.

    E' iscritta al registro dei revisori contabili dal 1995.

    Nel 1978 ha iniziato la sua carriera al servizio dello Stato presso il Ministero per i beni e le attivitÓ culturali, e dal 1985 presso il Ministero del tesoro - Ragioneria generale dello Stato.

    Nel medesimo Ministero, nel 1996, diviene per concorso dirigente dei Servizi Ispettivi di Finanza e dal 2001 Ŕ dirigente generale presso la Ragioneria generale dello Stato.

    Ha coordinato, di recente, i gruppi di lavoro per l'adeguamento dei sistemi contabili delle amministrazioni pubbliche.

    Dal 2011 al 2013 Ŕ stata anche consigliere giuridico del Ministro per la coesione territoriale.

    Ha ricoperto cariche nell'ambito di organismi di controllo in rappresentanza del Ministero dell'economia e delle finanze.

    Ha svolto docenze in materia di finanza pubblica ed ha fatto parte di comitati e gruppi di lavoro su varie tematiche di finanza pubblica.

    FORLANINI, REGIONE APPROVA LINEE GUIDA PER TRASFORMAZIONE IN CITTADELLA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

    15/09/2016 - Approvate dalla Giunta regionale le linee di indirizzo per la valorizzazione e riqualificazione dell'ex ospedale Forlanini. Il provvedimento si inserisce nel percorso amministrativo promosso e avviato dalla Giunta Zingaretti per risanare il complesso immobiliare esteso su circa 170mila metri quadrati, renderlo di nuovo fruibile alla collettivitÓ e integrato con il tessuto urbano circostante.

    "Dopo l'accordo con il ministero della Difesa per la realizzazione della stazione carabinieri di Monteverde all'interno dell'ex struttura ospedaliera - spiega l'assessore al Bilancio, Alessandra Sartore - proseguiamo il lavoro di recupero con questa decisione amministrativa propedeutica alla definizione dei piani di riqualificazione urbanistica e che conferma la destinazione pubblica dell'intero complesso. Abbiamo l'ambizione di difendere l'interesse pubblico del complesso realizzando servizi per i cittadini e le imprese e una cittadella della Pubblica Amministrazione ".

    In particolare, il progetto di valorizzazione definito dalle linee di indirizzo, prevede la rigenerazione urbanistica dell'ex ospedale in 'Centro Polifunzionale della pubblica Amministrazione e dei servizi ai cittadini'. Si punta a trasformare il complesso immobiliare in struttura destinata ad ospitare uffici pubblici dello Stato e dei diversi livelli di rappresentanza territoriale, oltre a parchi e giardini e ad altri servizi per i cittadini come asili nido, teatri, case della salute, ambulatori. Il tutto in collaborazione con Roma Capitale e sempre confrontandosi con le associazioni di zona. Obiettivo dell'operazione: abbattere il costo degli affitti passivi per gli enti pubblici ed evitare il consumo di suolo, insieme alla riqualificazione dell'area a vantaggio dei cittadini e a ridare vita a edifici attualmente dismessi.

    Il recupero del Forlanini prende avvio con l'accordo sottoscritto a novembre 2013 dal presidente Zingaretti con l'Agenzia del Demanio, al quale Ŕ seguita l'attivazione di un tavolo tecnico a gennaio 2016. Nel frattempo la Regione ha adottato una serie di provvedimenti per la riorganizzazione delle proprie sedi. Nelle linee di indirizzo approvate dalla Giunta, inoltre, viene conferito ampio mandato operativo al tavolo per approfondire gli aspetti tecnici, patrimoniali ed economici sottesi al progetto di valorizzazione dell'ex complesso ospedaliero e formulare proposte di rivalutazione patrimoniale. SpetterÓ al tavolo tecnico, infine, valutare in che forma e modalitÓ coinvolgere i soggetti pubblici o di diritto pubblico interessati a partecipare al processo di riqualificazione.
     

    RICERCA