Maurizio Simoncelli è il vice-presidente e cofondatore dell'IRIAD (Istituto di Ricerche Internazionali Archivio Disarmo) un’associazione di promozione sociale senza fini di lucro che da trentacinque anni diffonde una conoscenza scientifica sui temi della sicurezza interna ed esterna, dei conflitti armati e del disarmo al fine di sensibilizzare su questi temi la cittadinanza e le istituzioni. Storico ed esperto di geopolitica è intervenuto all’ultimo corso di formazione formatori promosso dall’Asap, per raccontare la sua storia e la sua esperienza di obiezione di coscienza. Classe 1951, ha maturato la sua scelta non violenta in pieno '68, da studente del liceo “Virgilio” di Roma.
Giuseppe ha 28 anni, alle spalle una laurea in psicologia e davanti un master per diventare Psicologo dello sport. Lo scorso novembre ha concluso il suo Servizio Civile nell’istituto, anche se continua a tornare come volontario per dare continuità nell’assistenza alle terapie fino all’arrivo dei nuovi volontari. “Perché scegliere di fare qui il Servizio Civile?” - dice - “Prima di tutto è stata un’occasione per guardare oltre, uscire dal mio settore specifico, quello della psicologia.”
Denise e Ilaria, rispettivamente 21 e 22 anni hanno in comune il Diploma in tecnico dei Servizi Sociali. Hanno conosciuto l’Istituto Vaccari grazie all’alternanza scuola- lavoro e hanno approfittato del bando di Servizio Civile per tornare a impegnarsi qui. “Questa esperienza è stata molto utile” - interviene Denise - “ho confermato quello che avevo in mente fin da quando ho scelto il mio percorso di studi.” "Al termine del Servizio Civile mi si è aperto un mondo" - continua Ilaria - "vorrei che il mio futuro lavorativo fosse al fianco delle persone con disabilità, nell’aiuto verso l’altro”.
L’istituto Leonarda Vaccari rappresenta, fin dalla sua nascita, un esempio di accoglienza, integrazione e crescita. In che modo la presenza dei volontari contribuisce alle vostre attività?L’istituto, sin dalla sua costituzione, ha adottato una politica di apertura al territorio che potesse perpetrare l’obiettivo dell’integrazione delle persone con disabilità, da sempre fondamentale per il modo di lavorare della struttura. Le attività di volontariato hanno accompagnato la storia dell’Istituto, tanto che nel 1995 è stata costituita un’associazione di volontariato: V.A.I.L.V. Onlus (Volontari Amici del Leonarda Vaccari) attraverso la quale rendere più sistematica e visibile l’attività dei volontari. 
Prestare servizio civile all’Istituto Leonarda Vaccari di Roma, da sempre impegnato per l’integrazione delle persone con disabilità, è un’esperienza davvero speciale. Lo si legge negli occhi dei ragazzi che abbiamo incontrato e che ci hanno raccontato il loro anno di servizio per questo primo numero di Insight del 2017. “I volontari rappresentano un’inestimabile ricchezza per l’Istituto” - dice la Presidente Saveria Ghia Dandini de Sylva - “La motivazione, la sensibilità, la predisposizione a entrare in contatto con le persone in difficoltà, qualità che contraddistinguono l’impegno dei volontari, concorrono a migliorare la qualità dei servizi offerti e ad ampliare le iniziative che gli operatori riescono…
Matilde ha 26 anni e ha da poco concluso il suo Servizio Civile nell'ambito del progetto “La possibile cura: progetti di inclusione e integrazione sociale per i pazienti del DSM” della ASL Rm2. Un’esperienza iniziata con qualche fatica: “Al principio ho incontrato delle difficoltà con il personale della struttura nella definizione del mio ruolo - ci dice - ma la relazione con gli ospiti del Centro di Salute Mentale si è invece rivelata molto più semplice di quanto pensassi.”
Giordano ha 25 anni ed è in servizio presso Libera Cittadinanza Onlus. Una grande passione da quando era bambino: il calcio, che coltiva da quando ha 5 anni e mezzo, fino a quando un infortunio al ginocchio lo ha costretto ad un periodo di riposo forzato. In attesa di riprendere il suo ruolo in campo come portiere, grazie alla segnalazione di un amico ha trovato nel Servizio Civile un modo per non restare con le mani in mano.
Federica (24 anni) e Vittorio (23 anni) sono impegnati dai primi di settembre in due progetti di Servizio Civile (“Dentro il chiostro: passato e futuro nel convento di San Domenico” e “Tra arte e cultura: Palazzo Caetani”) con l’ente Parco Naturale Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi. Federica, nonostante la sua esperienza sia cominciata da pochissimo tempo, ne è già entusiasta. “Mi trovo benissimo qui, con gli altri colleghi abbiamo da subito costituito un gruppo affiatato e molto collaborativo!”
Alessia ha origini sarde. Viene da Cagliari dove è nata e cresciuta fino al conseguimento della laurea breve. “A Cagliari sentivo che le mie opportunità erano limitate: avevo bisogno di uno stacco, di trovare nuove opportunità di crescita, di aprirmi al mondo.” Da qui la decisione di trasferirsi a Roma all’inizio del 2016, per esplorare nuovi territori non solo fisici.Per cominciare, un master in educazione affettiva e sessuale; per proseguire, un corso alla Casa internazionale delle donne, al fine di offrire sostegno alle donne vittime di violenza, e, per finire, il Servizio Civile al Centro S. Alessio Margherita di Savoia per…
Mercoledì, 21 Dicembre 2016 15:38

Empatia e aiuto reciproco - la storia di Flavia

Flavia viene da una famiglia numerosa, 6 figli di cui lei è la secondogenita. Ha 23 anni e da settembre 2016 è in servizio nel progetto "La Farfalla", rivolto a richiedenti asilo e rifugiati e promosso dal CEIS (Centro Italiano di Solidarietà). “Dai miei genitori” - dice con fierezza - “Ho imparato l’empatia e l’aiuto reciproco.”
É una giornata fredda, ma piena di sole con il cielo nitido e terso. Siamo ad Acilia nell’Istituto Giulio Verne in occasione del progetto “Noi cittadini attivi”, promosso dalla Regione Lazio per sensibilizzare studenti e insegnanti su temi e valori di riferimento del Servizio Civile Nazionale.L’incontro, promosso dallo SPES, è rivolto a oltre 50 ragazzi e ragazze delle classi 5° dell’istituto professionale. Nel corso della mattinata sono stati invitati a condividere la loro esperienza di Servizio Civile anche alcuni volontari impegnati nel progetto “Volontariamente per il Giubileo” con il CESV.
Valeria, ha 28 anni e dallo scorso giugno è in servizio con suo fratello Vasco nel progetto “Capranica insieme”.Le rivolgiamo alcune domande per conoscerla meglio e farci raccontare il suo Servizio Civile. Cosa fai nella vita?Sono laureata in Ecobiologia, faccio il Servizio Civile, l’allenatrice di pallavolo e…cerco lavoro. Com’è fare il Servizio Civile insieme a tuo fratello?Vasco è un fratello sensibile, riflessivo, intelligente. 
Pagina 1 di 4